Di Pietro voleva fare un film sulla sua vita, prodotto da Cecchi Gori e con De Niro protagonista

27 01 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Nella trama dei processi per bancarotta e fallimento a carico di Vittorio Cecchi Gori salta fuori – non indagato – anche Antonio Di Pietro. Agli atti l’ex pm ci finisce a causa di un uomo che rappresenta il legame tra lui e il produttore cinematografico: Sergio Scicchitano. L’avvocato di fiducia del leader Idv, promosso nel Cda dell’Anas quando Tonino era titolare delle Infrastrutture, era diventato, nel 2006, anche legale dell’ex patron della Fiorentina. E a dar retta agli inquirenti dell’inchiesta sul fallimento FinMavi, proprio Scicchitano si preoccupava di rafforzare l’amicizia tra i due suoi clienti, peraltro «già esistente», a sentire l’entourage di Cecchi Gori.

L’informativa della finanza segnala una cena a casa dell’imprenditore fiorentino.
Mara Meis, ex fiamma di Cecchi Gori, spiega di cosa si parlò

Un’informativa della guardia di finanza si sofferma su una cena a casa di Vittorio Cecchi Gori con l’allora ministro Antonio Di Pietro, l’avvocato Scicchitano, difensore di entrambi…
«La cena… ».

Se la ricorda?
«Sì. Eravamo a casa, a Palazzo Borghese a Roma. Ricordo che venne Antonio Di Pietro, l’avvocato Scicchitano, e poi c’era una donna con Di Pietro della quale non faccio il nome per una questione di privacy. Una signora gradevole, che Antonio ci presentò come sua amica, che non faceva parte né del mondo politico né di quello dello spettacolo. Di certo non era Ela Weber, di cui ho letto della storia che c’era tra loro su certi giornali scandalistici».

Perché la finanza avrebbe prestato tanta attenzione a questo incontro?
«Non chiedetelo a me. Era più una cena tra amici che un incontro istituzionale. Per parlare di cinema, visto che Vittorio è uno che in queste occasioni parla sempre lui, tanto che si è discusso non di cose pesanti ma piuttosto di arte, cose di cui si parla a cena per non pensare ai drammi della vita. Peraltro essendo stato Vittorio senatore, oltre a fare cinema, aveva molte conoscenze politiche, e Di Pietro era fra queste. Ora sì che mi viene in mente una chicca… ».

Dica.
«Proprio quella sera Di Pietro ha parlato del fatto che aveva desiderio di fare un film sulla sua vita. E voleva che qualcuno lo scrivesse bene, perché – spiegava – “deve comunque cogliere tutte quelle che sono state le varie fasi della mia vita”. Quindi per essere scritte e messe su una sceneggiatura voleva avere un nome di un professionista. Era anche disposto a fornire lui le notizie, e chiese a Vittorio se conosceva qualche sceneggiatore che potesse aiutarlo. Aveva questo desiderio, a cena ne parlò: “Per fare un film sulla mia vita – disse – vorrei trovare la persona giusta che sappia scrivere i fatti, e magari ci parlo prima pure un attimo”… ».

Non saltò fuori qualche idea sull’attore a cui affidare il ruolo del fustigatore di Mani pulite?
«Sì, certo, se ne discusse. Ma non si presero decisioni all’istante, e a pensarci bene non è che ci fossero tantissimi attori adatti al personaggio. Diciamo che il discorso era orientato sullo stile Robert De Niro, magari proprio uno straniero. Comunque era solo un primo approccio, voleva capire da un grande del cinema, come Vittorio, se era una cosa fattibile».

E Cecchi Gori era interessato?
«Come no. Disse: “Hai ragione Tonino, un film sulla tua vita deve essere un grande film… ”».

Altri particolari dall’informativa

Dall’ascolto delle telefonate di Vittorio, gli inquirenti si imbattono in Tonino. «(Cecchi Gori) … attraverso l’avvocato Scicchitano entrava in contatto con Antonio Di Pietro che, a dire di Tommaso (…) gli avrebbe prospettato l’ipotesi di presentarsi alle prossime elezioni per il suo partito». A dire di Pino Lattari, poi «Cecchi Gori avrebbe destinato i locali della galleria Borghese come sede della Fondazione Mani Pulite che Di Pietro vorrebbe realizzare. Poi c’è la cena. Che i finanzieri citano soprattutto per dimostrare il ruolo di Scicchitano. «Significativa la telefonata tra Scicchitano e Cecchi Gori del 5.12.2006, in cui il legale lo informava che il ministro voleva andare a cena a casa sua per fargli conoscere una persona e aggiungeva che bisognava fare bella figura». L’indomani la finanza annota: «In una successiva chiamata Scicchitano gli chiedeva le impressioni sulla persona presentata dal ministro. Cecchi Gori rispondeva che era rimasto molto soddisfatto, era un uomo molto amabile e intelligente».

Un film su Di Pietro sarebbe stato sicuramente interessante ma pochi sono veramente in grado di rappresentare al meglio, soprattutto nella parlata sconclusionata e sgrammatica, il mitico trebbiatore.

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio

About these ads

Azioni

Information

11 responses

27 01 2009
Tooby

Fazioso, ma perché non cerchi di fare mezza verifica prima di pubblicare certe cose? Il Giornale da un mese a questa parte sta inventando bufale contro Di Pietro, il quale ha risposto inviando pure i rogiti del notaio. E poi, Mara Meis, per favore, è una delle poche cose meno attendibili de Il Giornale: questa qui, in cerca di notorietà, si inventò di aspettare un bambino da Cecchi Gori. Ha la fama di contapalle insomma: gli avvocati di Cecchi Gori portarono la documentazione per dimostrare che era tutta una balla http://magazine.libero.it/gossip/generali/ne7471.phtml La solita campagna di diffamazione da parte dell’alieno, prima o poi uscirà fuori che Di Pietro era il kapò di un lager nazista e il Giornale pubblicherà le foto di Di Pietro che bacia Hitler in bocca. XD

L’unico film su di Pietro di cui abbia memoria, (che poi era un corto su Tangentopoli), fu proiettato il 29 maggio 1996. Magari lo facessero un film su Tangentopoli, quante belle magagne scopriremmo. Ma ci vorrà ancora un bel decennio: intanto godiamoci il meraviglioso documentario su Craxi, mancava solo un suo intervento in diretta dal paradiso.

Andiamo, hai fatto post più seri di questi.

27 01 2009
cfbbgggf

lozzi

27 01 2009
Berluscano

Suvvia, Tooby, non puoi pretendere troppo….
Per quanto concordi con te, dopotutto si tratta di un fazioso del governo, e come tale allineato anche sul tipo di notizie da segnalare, e per quanto riguarda le verifiche sulle fonti possiamo sempre ricordare l’ottimo lavoro fatto con la commissione Telekom Serbia, in cui i principali accusatori sono tutti finiti sotto processo per calunnia….
Anche a me piacerebbe vedere, ad esempio, un bel post sull’ultimo grande annuncio della Gelmini, gli sms per le assenze e le pagelle online.
E’ venuta in Emilia Romagna (ma immagino non solo), ha pensato “Ma guarda cosa fanno un sacco di istituti in questa regione, ma che bella idea per un annuncio!!! ”
E così ha pensato di fare un figurone a basso prezzo !!!
Peccato che siano cose che vengono fatte da anni da molte scuole….
Ovviamente, tra l’altro la Gelmini ha trascurato di specificare con quali soldi queste cose sarebbero da realizzare; credo sinceramente che le scuole abbiano ben altri pensieri grazie ai generosi finanziamenti statali….

27 01 2009
Di Pietro voleva fare un film sulla sua vita, prodotto da Cecchi Gori e con De Niro protagonista | Yourpage live news aggregator

[...] Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio [...]

27 01 2009
Di Pietro voleva fare un film sulla sua vita, prodotto da Cecchi Gori e con De Niro protagonista | Yourpage live news aggregator

[...] il mitico trebbiatore. Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio Posted in cronaca giudiziaria, giustizia, idv, partiti   Tagged: cecchi gori, de [...]

27 01 2009
fazioso

tooby ma potrò scegliere i temi che voglio o ti devo chiedere il permesso? ehehe
questo blog dalla sua nascita ha sempre avuto un modo un po’ scanzonato di prendere la politica, ho spesso usato l’ironia nei miei interventi.
Fate i vostri commenti di difesa del trebbiatore ma non rompete le palline pure su quello che voglio postare nel mio blog eheh
Io poi aderisco al club “credo in mara meis”
In ogni caso l’informativa dice chiaramente che di pietro pensava a candidare cecchi gori e che il cecchi aveva messo a disposizione del di pietro i locali della galleria borghese
e queste cose non le dice mara meis

27 01 2009
Tooby

Sì, sei libero di abboccare a quello che vuoi. Cerco solo di fare contraddittorio. Come ha ricordato Berluscano, il Giornale si è reso protagonista delle operazioni di diffamazione più infami dell’ultimo decennio, e tutto a vantaggio del suo editore (Berlusconi).

Cito un caso recente. Qualche giorno fa, credo fosse il 21, il Giornale parlava dello scandalo dei noleggiatori di macchinari per intercettazioni a tutta pagina, facendo nomi e cognomi. Questi nomi e cognomi, dopo aver letto la cosa, diffidano il quotidiano a smentire, il quale dapprima manda Belpietro a Porta a Porta quella sera stessa (o il 22, più probabilmente, visto che l’edizione cartacea sarà uscita quel giorno) a denunciare uno scandalo che non esiste e che il giorno dopo (quindi il 23 sull’edizione cartacea) smentisce la notizia in un trafiletto da leggere con la lente d’ingrandimento. Il giorno dopo ancora (e siamo al 24), però, il danno è fatto e Berlusconi fa esplodere l’inesistente scandalo dell’archivio Genchi.

La non-notizia viene ripresa online solo da Il Giornale (chissà perché), alla fine si scopre che hanno preso per buone due lettere anonime firmate a macchina: come se scrivessi una bella lettera con word, in cui descrivo i rapporti che Berlusconi intrattiene con la mafia, la firmo scrivendo sempre a macchina “Silvio Berlusconi” e poi la inviassi ai Carabinieri. Credo che nessuno crederebbe che quella lettera sia stata scritta da Berlusconi, tranne forse quelli de Il Giornale.

Che tutto fosse una bufala l’avevano capito tutti, tanto che nessuno riprende la notizia e la smentita appare solo su un giornale locale, http://www.civonline.it/CivOnLineNotiziaStandard.php?IDNotizia=73591&IDCategoria=354

Benvenuto nel 1984 ;-)

29 01 2009
tabache

si Fazioso, ascoltati questo video: http://it.youtube.com/watch?v=1CpeER0ZR38

29 01 2009
tabache

si fazioso, guarda questo video, clicca sul mio nome che lo ho linkato li.

31 01 2009
PINO LATTARI

Caro tooby,mi dispiace che tu come tante altre persone pensate che Mara Meis dica delle balle. Intanto vorrei che leggessi bene l’articolo, Mara parla soltanto di un film che Di Pietro aveva intezione di fare su un caso che lui ha seguito quando era magistrato e la cosa per un produttore cinematografico era anche molto appetibile visto che il suo mestiere e fare film, e in questo non ci vedo ne balle e ne reati da parte di nessuno,anzi la cosa era a favore di Di Pietro e non contro di lui. Per quanto la notizia della bufale che Mara aspettava un bambino, gli avvocati di Cecchi ori non hanno prodotto nessuna documentazione che la storia non era vera, hanno soltato fatto un articolo smentendo quello che era uscito su un intervista di Mara la quale ha prodotto al giornale la cartella clinica dell’American Hospital dove e’ stata ricoverata. E in merito a questovi e’ una processo pendente per diffamazione contro Cecchi Gori e i suoi Legali Presso la procura di Bergamo, per cui senirai ancora parlare di questa storia. Infine per quanto riguarda la notorieta’ di cui e’ incerca Mara Meis, anche di questo ti deo dare una delusione Mara ha denunciato presso la procura di Perugia alcuni fatti successi in quella casa di Palazzo Borghese, fatto questo non si e’ piu’ sentito parlare di lei perche’ non ha voluto sfruttare questa storia per farsi della pubblicita’ ma quello che lei ha fatto per Cecchi Gori senza avere in cambio nessun vantaggio lo saprai molto presto. Grazie e scusate ho voluto soltato dare un po’ di giustizia ha la merita.

31 01 2009
Tooby

Ah, non voleva usare questa storia per farsi pubblicità? Strano che l’abbia fatto allora. :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: