Lotta alle mafie, la pressione dello Stato sta dando grandi risultati. Ecco i dati

27 05 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Giorno dopo giorno si susseguono arresti di latitanti, retate, sequestri e confische di beni. E il ministro Maroni rivendica il successo della lotta alla criminalità organizzata

Non passa giorno senza che non ci siano azioni della Polizia e dei Carabinieri contro la criminalita’ organizzata. Per questo, stiamo vivendo da questo punto di vista una stagione fortunata. Sono oltre settanta i latitanti catturati nei primi mesi di quest’anno nell’elenco dei cento piu’ pericolosi criminali. Inoltre, vi sono state “oggi e ieri altre due operazioni che hanno portato a sgominare delle bande criminali affiliate alla camorra e alla mafia”. Maroni ha aggiunto: penso che in nessun periodo come in questo la pressione dello Stato contro la criminalita’ organizzata stia portando a grandi risultati

Nel particolare

Nell’ultimo anno la mafia ha ricevuto colpi durissimi dallo Stato. Sequestrati oltre 4 miliardi di euro nel 2008, tre volte di piu’ dell’anno precedente. Tutti i beni sequestrati sono immediatamente a disposizione delle forze dell’ordine per la lotta alla mafia. Una lotta – sottolinea – che deve essere senza quartiere e che da’ risultati. Il governo e il Parlamento hanno lavorato e continueranno a lavorare in questo senso”.

Maroni, quindi, segnala che dall’inizio dell’anno sono state arrestate 1.088 persone, ci sono state 93 operazioni di polizia e sono stati arrestati 70 latitanti, 5 dei quali inseriti nei programmi di ricerca fra i 30 piu’ pericolosi, e sono stati sequestrati oltre 1.000 beni per un valore di 330mila euro. Solo a Palermo ci sono state 12 operazioni della polizia contro la mafia e sono state arrestate 129 persone tra cui 5 latitanti.

Bisogna ammettere che le forze dell’ordine stanno registrando grandi risultati. Lodevole anche l’operato in primis del ministro Maroni e del governo. Non per niente il 41bis è diventato legge con i governi di centrodestra. In questa legislatura ci sono stati i 2 decreti sicurezza con l’aumento delle pene per i reati di mafia e il divieto di patteggiamento in appello e nel ddl sicurezza ci sarà il più importante pacchetto antimafia dai tempi di Falcone (con l’inasprimento del 41 bis e l’obbligo di denuncia della richiesta di pizzo). Il centrosinistra oltre alle collusioni in Calabria e Campania denunciate da Saviano ha chiuso le supercarceri dell’Asinaria e di Pianosa, ha introdotto il rito abbreviato (cancellando quasi di fatto l’ergastolo), ha cambiato in senso peggiorativo la legge sui pentiti, ha fatto l’indulto.





Azzerati i flussi di clandestini a Lampedusa, Cie vuoto!

27 05 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Oggi il ministro Maroni in un’interrogazione parlamentare in merito alla lotta all’immigrazione clandestina ha fornito delle cifre sulla situazione a Lampedusa

Il flusso di sbarchi di clandestini sulle coste meridionali dell’Italia «si è praticamente azzerato». Grazie all’efficace politica di contrasto all’immigrazione clandestina attuata dal governo, che ha messo in atto riaccompagnamenti e respingimenti». In conseguenza di ciò il centro di prima accoglienza di Lampedusa, oggi è praticamente vuoto, visto che gli ultimi 20 clandestini sono stati trasferiti nei centri di competenza per i richiedenti asilo. Dal 6 maggio, giorno in cui sono iniziati i respingimenti verso la Libia, «si è arrestato il flusso di immigrati clandestini sulle coste siciliane, in particolare a Lampedusa

e ancora

Nel 2008 si sono registrati 537 sbarchi in Sicilia con l’arrivo di 34.540 persone, mentre quest’anno – dati aggiornati al 20 maggio – i clandestini arrivati sono stati 6.588

In ogni caso il Cie di Lampedusa non verrà smantellato e nei prossimi giorni Maroni ha annunciato che

incontrerà esponenti del governo libico per portare avanti la collaborazione e l’impegno a una sensibilizzazione dell’Unione europea sul tema del contrasto all’immigrazione clandestina.

Il ministro si è lasciato andare anche a una battuta

Noi abbiamo respinto 500 clandestini e siamo stati messi all’indice, mentre la Spagna, che ne ha respinti diecimila va bene solo perche’ e’ un paese guidato da un premier socialista

Insomma ottimi risultati nella lotta all’immigrazione clandestina dopo l’inizio dei pattugliamenti congiunti e dei respingimenti. Finalmente novità importanti dopo anni di lassismo, buonismo e politiche inconcludenti








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.