Le ronde furono inventate dal Partito Comunista nel 1945 (e ancora ora la sinistra le usa)

20 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Le ronde, le tanto odiate ronde. La sinistra non le può sopportare e continua a criticarle in Parlamento (e fuori) quotidianamente. Ma le ronde sono esterne al dna della sinistra?

Secondo uno storico no

Le ronde? Furono inventate dal Pci, a Modena, subito dopo la fine della guerra. Ad affermarlo e’ il pubblicista e ricercatore Roberto Gremmo in un articolo che verra’ pubblicato sulla rivista ‘Storia ribelle’. Gremmo, basandosi su documenti custoditi dall’Archivio di Stato nei fascicoli della ”Divisione affari generali riservati” della Pubblica sicurezza, riferisce che l’idea di ”istituire squadre civili con il compito di collaborare al mantenimento dell’ordine” venne al segretario della Camera confederale del lavoro di Modena, Galavotti, dopo un attentato, il 5 novembre 1945, alla sede locale del partito comunista. Ricevuta la proposta da Galavotti, ”il prefetto Zanetti – scrive Gremmo – chiese un parere al governo e il 20 novembre il capo della polizia gli risposte sostenendo che ‘l’opera volontaria dei componenti i pattuglioni di vigilanza’ sarebbe stata gradita”. ”Il prefetto – aggiunge – riteneva che le squadre dovessero venir composte da cittadini di tutti i partiti”.

E quindi si venne a scoprire che le ronde sono pure un’invenzione sinistra

D’altronde l’incoerenza su questo tema non è solo storica ma molto attuale. Infatti

Anche il centrosinistra ha un’anima «rondista». Prima an­cora dell’approvazione del ddl sul­la sicurezza voluto dal centrodestra e in particolare dalla Lega, diverse amministrazioni guidate dal Pd hanno dato il via libera alle squa­dre di volontari per la sicurezza, per il presidio del territorio o per il decoro urbano. Appunto le ronde.

Nel particolare

Il laboratorio delle «ronde dolci» di centrosinistra è l’Emilia Roma­gna. Qui una legge regionale voluta dal governatore Vasco Errani nel 2003 ha spianato la strada alle asso­ciazioni civiche che mandano i vo­lontari davanti alle scuole, nei par­chi, addirittura nei cimiteri. anche in Emilia Romagna c’è chi nel Pd ave­va intravisto nelle ronde un aiuto al­la sicurezza: Sergio Cofferati, quan­do era sindaco di Bologna, nello scorso febbraio aveva affermato che i cittadini «possono dare un contri­buto al presidio del territorio», pur­ché le iniziative non assumano «co­lore o valenza politica».

E anche nella Lombardia domi­nata dal verde della Lega e dall’az­zurro del Pdl, ci sono stati ammini­­stratori di spicco del Pd che hanno aperto più di uno spiraglio alle ron­de: Filippo Penati, prima di perde­re la presidenza della Provincia di Milano, aveva stanziato 250 mila euro a favore dei Comuni del terri­torio per finanziare le associazioni di volontari. Una mossa, quella di Penati, che è andata oltre a quanto stabilito il governo, secondo il qua­le le ronde non devono gravare sul­le casse pubbliche.

E ancora in Liguria c’è il caso Al­benga: il sindaco Antonello Tabbò, centrosinistra, aspettando di poter installare decine di telecamere per la videosorveglianza ha lanciato una sorta di «ronde istituzionali». Lui stesso, insieme agli assessori della sua giunta e ai consiglieri di maggioranza, è sceso in strada di notte accompagnando nei pattuglia­menti polizia municipale e forze del­l’ordine, anche se con una valenza simbolica più che reale: «Per far sen­tire ai vigili e alla cittadinanza che siamo loro vicini nella lotta per la si­curezza ».

In Veneto Achille Variati, sinda­co di Vicenza, ha annunciato l’istitu­zione di una scuola per volontari della sicurezza. Flavio Zanonato, confermato alle ultime amministra­tive alla guida di Padova, già in pas­sato ha schierato i «nonni-vigili» davanti alle scuole e nei parchi

Al Sud almeno due sindaci di centrosinistra si sono detti favore­voli alle ronde: Michele Emiliano (Bari) e Vincenzo De Luca (Saler­no)

Insomma le ronde la sinistra le ha sempre sostenute a livello locale ma poi in parlamento è furiosamente contro. E’ legittimo essere contrari ma ci si aspetterebbe che un pensiero piuttosto unitario a livello nazionale si prefigurasse uguale anche sul territorio. E la realtà dice altro. La solita coerenza sinistra

About these ads

Azioni

Information

7 responses

21 07 2009
Claudio

Non dimenticare la frase tanto cara al PCI: ci vuole vigilanza democratica affinchè i nemici del popolo non alzino la testa. E giù con i picchetti delle scuole, delle fabbriche, i pattuglioni in giro per le città alla ricerca dei “noti” picchiatori fascisti eccetera. Eh mio caro, alla sinistra è tutto concesso….

21 07 2009
Mic

A volte fatico a vedere le differenze tra destra e sinistra, sembra quasi si copino l’un l’altro.

21 07 2009
Pippo

In una democrazia che si rispetti, ogni cittadino, è un poliziotto.

21 07 2009
Luca Marino

Paragonare le ronde di ispirazione leghista (e malcelato intento razzista) con le ronde post-belliche o con i nonni/pensionati che in diversi comuni italiani stanziano davanti alle scuole è decisamente ridicolo. Da una parte volontari che scortano i bambini nell’attraversamento stradale, “dirigono” il traffico, accompagnano i bambini all’uscita delle scuole; mentre nel caso delle ronde del dopoguerra si parla di un paese uscito da una dittatura, dilaniato da un conflitto mondiale, diviso da una guerra civile, in attesa di uno stato di diritto ancora in divenire.
Oggi invece si parla di uno stato di diritto che delega uno dei propri poteri alla cittadinanza.
Sottili differenze.


Luca Marino
http://miocarobestiario.blog.kataweb.it

21 07 2009
claudio

certo certo… nel dopoguerra in piena crisi economica e sociale, i comunisti hanno commissionato delle ronde, facile immaginare anche i disordini e le rivendicazioni che un dopoguerra può comportare, rapine. furti, sciaccallaggio, attentati e tutte quelle azioni che tanta miseria può portare ma cosa centra fare questo confronto???????????????? quì non si vuole intendere che le ronde chiunque le propone non è altro che il segno di una debolezza dello stato. Si vuole aggiornare il tema? Ok, allora diciamo che siamo tornati come ai tempi del dopoguerra…. non male per questo governa che parla di un Italia che avanza….

21 07 2009
claudio

il fatto che le ronde siano di sinistra non vuol dire che a questo punto di è di sinistra deve tacere, troppo banale arrivare a questo 2+2=4… questo paese va avanti con il doppio termine destra e sinistra, sinistra e destra…. e intanto i poliziotti sono a piedi, perché non vi mettere in questa ottica pittosto che pensare quotidianamente ai comunisti?

23 07 2009
Berluscano

Purtroppo chi scrive questo blog di storia ne ha solo una vaga infarinatura, ed ovviamente essendo fazioso non riesce a cogliere niente se non ciò che gli serve….
Solo il fatto che paragoni il periodo del 1945, con ancora gli strascichi della dittattura e della guerra di liberazione a mietere vittime, con quella attuale, fa capire molto della profondità di questa analisi.

Come si può confrontare la situazione di allora, con i conati della destra di oggi, vogliosa di forca verso i deboli, e piena di premure verso i ricchi delinquenti ???
In realtà oggi la destra cerca sempre di più di sostituire lo stato di diritto con il diritto del più forte, indebolendo le tutele che devono spettare a TUTTI i cittadini a favore delle tutele solo per chi si adegua al berlusconi-pensiero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: