La questione morale nel Pd: i democratici sono sotto inchiesta in tutta Italia

21 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

La questione morale è sempre all’ordine del giorno per il centrosinistra nonostante i tentativi di insabbiamento.

Segnalo questa tabella nella seconda pagina di quest’articolo

Copio alcuni procedimenti (e ne aggiungo altri)

Genova: inquisito due ex consiglieri comunali di centrosinistra per corruzione. Un’altra vicenda (Mensopoli) vede il sindaco Vincenzi più o meno coinvolta (seppur indirettamente)

Trento: indagato ex assessore per gare truccate. Finanziamenti sospetti per il presidente della provincia Dellai (indagato)

Firenze: indagati 2 ex assessori della giunta Domenici

Ancona: rinviati a giudizio gli ultimi 2 sindaci del centrosinistra della città

Perugia: indagati funzionari ed ex assessore provinciale. Aggiungo l’ex sindaco (di cui l’attuale era vicesindaco) indagato per la questione Minimetro

Abruzzo: Del Turco indagato per Sanitopoli. L’ex sindaco di Pescara D’Alfonso indagato

L’Aquila: per una recente questione di appalti post territorio si dimette un assessore della giunta Cialente

Bari: appalti pilotati. Indagato assessore Tedesco, futuro deputato del Pd. Indagata anche una manager vicina al Pd

Sardegna: rinviato a giudizio Soru

Napoli: mezza giunta Iervolino sotto inchiesta per l’affaire Romeo (con richieste di pena oltre i 5 anni anche per l’ex vicepresidente della provincia). Bassolino sotto processo e ieri di nuovo con richiesta di rinvio a processo sempre per la questione rifiuti. Indagato eurodeputato Cozzolino. Decine e decine di amministrazioni comunali infiltrate dalla camorra.

Salerno: sindaco De Luca già condannato in primo grado, rinviato a giudizio per altre 2 inchieste

Calabria: consigliere comunale inquisito per rapporti con la criminalità. Loiero sotto inchiesta

Potenza: giro di tangenti. Inquisito deputato Margiotta. De Filippo (pres. regione) indagato per favoreggiamento

e sicuramente me ne dimentico altri.

Ma la questione morale vale solo per gli altri. Loro sono superiori a prescindere…





Le ronde furono inventate dal Partito Comunista nel 1945 (e ancora ora la sinistra le usa)

20 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Le ronde, le tanto odiate ronde. La sinistra non le può sopportare e continua a criticarle in Parlamento (e fuori) quotidianamente. Ma le ronde sono esterne al dna della sinistra?

Secondo uno storico no

Le ronde? Furono inventate dal Pci, a Modena, subito dopo la fine della guerra. Ad affermarlo e’ il pubblicista e ricercatore Roberto Gremmo in un articolo che verra’ pubblicato sulla rivista ‘Storia ribelle’. Gremmo, basandosi su documenti custoditi dall’Archivio di Stato nei fascicoli della ”Divisione affari generali riservati” della Pubblica sicurezza, riferisce che l’idea di ”istituire squadre civili con il compito di collaborare al mantenimento dell’ordine” venne al segretario della Camera confederale del lavoro di Modena, Galavotti, dopo un attentato, il 5 novembre 1945, alla sede locale del partito comunista. Ricevuta la proposta da Galavotti, ”il prefetto Zanetti – scrive Gremmo – chiese un parere al governo e il 20 novembre il capo della polizia gli risposte sostenendo che ‘l’opera volontaria dei componenti i pattuglioni di vigilanza’ sarebbe stata gradita”. ”Il prefetto – aggiunge – riteneva che le squadre dovessero venir composte da cittadini di tutti i partiti”.

E quindi si venne a scoprire che le ronde sono pure un’invenzione sinistra

D’altronde l’incoerenza su questo tema non è solo storica ma molto attuale. Infatti

Anche il centrosinistra ha un’anima «rondista». Prima an­cora dell’approvazione del ddl sul­la sicurezza voluto dal centrodestra e in particolare dalla Lega, diverse amministrazioni guidate dal Pd hanno dato il via libera alle squa­dre di volontari per la sicurezza, per il presidio del territorio o per il decoro urbano. Appunto le ronde.

Nel particolare

Il laboratorio delle «ronde dolci» di centrosinistra è l’Emilia Roma­gna. Qui una legge regionale voluta dal governatore Vasco Errani nel 2003 ha spianato la strada alle asso­ciazioni civiche che mandano i vo­lontari davanti alle scuole, nei par­chi, addirittura nei cimiteri. anche in Emilia Romagna c’è chi nel Pd ave­va intravisto nelle ronde un aiuto al­la sicurezza: Sergio Cofferati, quan­do era sindaco di Bologna, nello scorso febbraio aveva affermato che i cittadini «possono dare un contri­buto al presidio del territorio», pur­ché le iniziative non assumano «co­lore o valenza politica».

E anche nella Lombardia domi­nata dal verde della Lega e dall’az­zurro del Pdl, ci sono stati ammini­­stratori di spicco del Pd che hanno aperto più di uno spiraglio alle ron­de: Filippo Penati, prima di perde­re la presidenza della Provincia di Milano, aveva stanziato 250 mila euro a favore dei Comuni del terri­torio per finanziare le associazioni di volontari. Una mossa, quella di Penati, che è andata oltre a quanto stabilito il governo, secondo il qua­le le ronde non devono gravare sul­le casse pubbliche.

E ancora in Liguria c’è il caso Al­benga: il sindaco Antonello Tabbò, centrosinistra, aspettando di poter installare decine di telecamere per la videosorveglianza ha lanciato una sorta di «ronde istituzionali». Lui stesso, insieme agli assessori della sua giunta e ai consiglieri di maggioranza, è sceso in strada di notte accompagnando nei pattuglia­menti polizia municipale e forze del­l’ordine, anche se con una valenza simbolica più che reale: «Per far sen­tire ai vigili e alla cittadinanza che siamo loro vicini nella lotta per la si­curezza ».

In Veneto Achille Variati, sinda­co di Vicenza, ha annunciato l’istitu­zione di una scuola per volontari della sicurezza. Flavio Zanonato, confermato alle ultime amministra­tive alla guida di Padova, già in pas­sato ha schierato i «nonni-vigili» davanti alle scuole e nei parchi

Al Sud almeno due sindaci di centrosinistra si sono detti favore­voli alle ronde: Michele Emiliano (Bari) e Vincenzo De Luca (Saler­no)

Insomma le ronde la sinistra le ha sempre sostenute a livello locale ma poi in parlamento è furiosamente contro. E’ legittimo essere contrari ma ci si aspetterebbe che un pensiero piuttosto unitario a livello nazionale si prefigurasse uguale anche sul territorio. E la realtà dice altro. La solita coerenza sinistra





Amarcord: quando D’Alema gioiva per l’indulto

17 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

La sinistra sui temi della sicurezza. Un po’ di amarcord non fa mai male

So che mi fischierete ma io ho votato a favore sull’indulto e l’ho fatto con gioia. Io sono uno di sinistra, vicino ai poveracci e dico: valeva la pena fare questo compromesso

Ricordiamo che l’indulto è stato l’unico atto legislativo sui temi della sicurezza e criminalità del governo Prodi e che ha prodotto una recrudescenza dei reati tra fine 2006 e tutto il 2007. Emergenza sicurezza che non fu mai affrontata dal centrosinistra (non che sia una novità) nemmeno quando a chiederlo fu Veltroni dopo l’atroce delitto Reggiani





La SuperUnione

16 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Bersani ipotizza un dialogo con le formazioni di sinistra ma anche con l’Udc (in perfetto stile veltroniano). L’immaginate quanto sarà produttiva una possibile SuperUnione se dovesse mai vincere le elezioni? Casini e Vendola abbracciati in buvette a parlare di temi etici e pacs, Di Pietro e Cuffaro a dialogare divertiti dei temi della giustizia, Pecoraro e Fassino a ridere felici su quali infrastrutture bloccare e quali rimandare, Tabacci e Bertinotti giocherellare su argomenti economici, Marino e Binetti mano nella mano sul testamento biologico. E’ veramente un sogno, quanto ci manca l’Unione. La SuperUnione ci regalerebbe momenti paradisiaci di totale condivisione del programma (ovviamente sulle 500 pagine) e manifestazioni di lotta e di governo concordate e partecipate da tutti. Tirate fuori dall’ospizio nonno Prodi e il futuro del centrosinistra tornerà clamorosamente al centro della politica. Per la gioia degli italiani





E ora il centrosinistra rischia di perdere 6 regioni l’anno prossimo

24 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

screen-capture

Mannheimer sul Corriere analizza gli scenari elettorali in vista del prossimo scontro elettorale: le regionali 2010.

Dall’analisi si evidenzia che in prospettiva, restando stabili le proporzioni tra i poli, il centrosinistra rischia di perdere in modo netto anche le prossime regionali.

Malgrado la perigliosità della comparazione, il quadro che emerge esaminando i risultati delle Europee nelle regioni che andranno alle urne l’anno prossimo è di grande interesse. Solo in sei regioni sulle tredici interessate al voto nel 2010, i risultati delle Europee hanno confermato la maggioranza in carica al governo della Regione. Si tratta di Lombardia, Veneto (tradizionali roccaforti del centrodestra), Emilia Romagna, Toscana, Umbria (a loro volta contesti in cui la prevalenza del centrosinistra è da tempo consolidata) e Basilicata.

Nel particolare

In Piemonte, infatti, la distanza tra centrodestra e centrosinistra emersa dalle Europee è tale da rendere la previsione di una ripetizione dell’esito nel 2010 meno improbabile. In questa regione, peraltro, il centrodestra ha prevalso già nelle Politiche del 2008 e nelle sei province in cui si è votato per le Provinciali quest’anno. In tutte le altre regioni «in bilico» il distacco è più contenuto e tale da rendere determinante l’alleanza di uno schieramento o dell’altro con l’Udc e/o l’eventuale accordo del centrosinistra con le forze della sinistra radicale. Ad esempio, i voti dell’Udc (o della sinistra radicale) compenserebbero il distacco tra centrodestra e centrosinistra in Liguria. Ma anche qui il centrodestra ha prevalso nelle Politiche e nell’unica competizione provinciale. La distanza tra i due schieramenti è talmente bassa nelle Marche e in Calabria (ma anche in Umbria) da rendere possibile ogni risultato. Come si sa, nelle prime il centrosinistra ha prevalso nelle Provinciali e anche alle Politiche dell’anno scorso. Anche in Calabria il centrosinistra ha vinto le Provinciali, ma ha perso le Politiche del 2008. Ancora, in Puglia – che pure mostra una differenza del 13% tra il centrodestra e il centrosinistra, l’esito dell’Udc e della sinistra radicale è tale da rendere ipotizzabile, in caso di alleanze, esiti diversi. Qui però il centrodestra ha vinto anche alle Provinciali e alle Politiche.

In definitiva

Questi dati nel loro insieme mostrano ancora una volta la prevalenza del centrodestra. Se il Pd – e il centrosinistra in generale – vuole affrontare più fiduciosamente le Regionali dell’anno prossimo, è necessario che imposti al più presto una precisa e coerente politica delle alleanze. Con scelte il più possibile nette e definite. Oltre che, naturalmente, che chiarisca la linea politica e, specialmente, la leadership.

Guardando la tabella del Corriere si evince che in Piemonte il ribaltone è veramente alla portata del centrodestra. A seguire direi la Campania dove nel caso di alleanze l’Udc è più propensa (viste le amministrative) ad allearsi con il Pdl. Poi ci sono i casi di Puglia e Lazio dove in teoria il centrodestra parte avvantaggiato ma dove l’Udc potrebbe allearsi con il centrosinistra. Infine Liguria e Calabria. In quest’ultima l’Udc potrebbe unirsi con il Pdl, come ha fatto i ballottaggi rendendo possibile il ribaltone. La Liguria è regione storicamente rossa ma un cambio di colore è alla portata del centrodestra. Poi ci sarebbero le Marche dove pur, in condizioni di direi pareggio e dopo amministrative/europee che han visto vittorie del centrodestra (che ha preso Macerata e Ascoli) reputo difficile una vittoria azzurra.





Il centrosinistra ha perso il 46% delle province che aveva!

23 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

PROVINCIALI
2004: CS 50 CD 8 LEGA 1
2009: CS 28 CD 34

Delle 3 province nuove il centrosinistra ne ha vinta una (Fermo), il centrodestra due (Monza, Barletta-Andria-Trani).
Quindi il centrosinistra ha perso 23 province delle 50 che aveva, esattamente il 46% delle amministrazioni provinciali che governava.

COMUNALI (CAPOLUOGO)
2004: CS 25 CD 5
2009: CS 16 CD 14

COMUNALI (COMUNI SUPERIORI NON CAPOLUOGO)
2004: CS 142 CD 37 LEGA 4 CIVICHE 12
2009: CS 107 CD 70 LEGA 3 CIVICHE 13 CENTRO 3

Insomma la tornata delle amministrative ha confermato l’ennesima sconfitta del centrosinistra che anche nelle elezioni a lei più congeniale subisce una notevole sconfitta.
In pratica bisogna aggiungere una tacchetta alla t-shirt del Pd qui in basso





Referendum e Ballottaggi Provinciali e Comunali: scrutinio in diretta

22 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Eccoci per la consueta diretta.

Riaggiornate la pagina per vedere le novita

23.06: comunali: cs passa da 25 a 16, cd da 5 a 14
23.05: provinciali: cs passa da 50 a 28, cd da 9 a 34 (3 erano nuove province)
22.37: 34 province al centrodestra, erano 9 5 anni fa
22.21: anche Lecce e Frosinone dovrebbero andare al centrodestra
21.56: Crotone passa a sorpresa al centrodestra
21.19: anche il comune di Caltanissetta passa al centrodestra
21.14: Cremona ufficiale al centrodestra cosi come la provincia di Savona
20.59: Pazzesco la diretta di Repubblica segnala solo le vittorie del centrosinistra
20.44: si riapre la partita a Crotone
20.32: Belluno ufficialmente al centrodestra
19.48: Rovigo ormai è del centrosinistra
19.29: incredibile sorpasso a Prato città e Cremona (roccaforte rossa) passa al cntrodestra
19.22: Cd avanti a Caltanissetta, cs a Foggia
19.20: Cs avanti ad Alessandria e Rimini
19.04: a Frosinone testa a testa cosi come a Milano
18.40: Testa a testa a Fermo
18.35: Prato provincia e comune testa a testa
18.25: centrodestra avanti ad Ascoli, centrosinistra nettamente avanti a Torino e Parma
18.23: sorpasso del centrodestra anche a Belluno
18.17: centrosinistra avanti a Rieti e Frosinone
18.10: sorpasso del centrodestra a Rovigo
18.04: centrosinistra avanti ad Ancona, avanti il centrodestra a Cremona
17.54: Brindisi cs 50.7-cd 49.3
17.51: avanti Zanonato a Padova e Emiliano a Bari
17.46: testa a testa a Milano (secondo me vince Penati). Centrodestra avanti a Savona
17.42: centrosinistra avanti ad Alessandria seppur di poco
17.28: male per ora il centrodestra a Belluno e Rovigo, bene a Venezia
17.21: centrosinistra avanti a Parma, Grosseto, Arezzo
17.14: Padova 11 sez Marin 52,42% Zanonato 47,58%
17.05: Firenze 7 sex Renzi 57
16.58: Prato provincia 16/241: cs 53.8 cd 46.2
16.50: Previsioni etv: Delbono 58-62, Cazzola 38-42. CSX in tutta la ragione, Sassuolo in bilico.
16.49: 15 sez Milano: cd 51 – cs 49
16.21: 1 sez Torino: cd 65 – cs 35
16.16: 1 sez Ferrara (Prov): cs 54-cd 45
16.14: 1 sez Savona: cd al 80%. Magari finisse così…
15.55: prima ci sarà lo scrutinio per il referendum quindi per provinciali e comunali ci vorrà un bel po’ prima dei risultati
15.48: affluenza più bassa a Cosenza per ora: 37%
15.42: al momento le 3 province con minor affluenza rispetto al primo turno sono: Rovigo (-36) Arezzo (-34) Torino (-33)
15.40: notevole l’affluenza a Fermo rispetto al resto delle province: 59%
15.38: continuano ad arrivare i risultati sui referendum (affluenza intorno al 17.5): 1q sì 81.5 2q sì 82.2 3q sì 87.3 (quindi come era ipotizzabile il terzo quesito ha visto maggiori pareri favorevoli)
15.32: da Termometro Politico instant poll su provincia di Torino: Saitta (cs) 51.5/53.5 – Porchietto (cd) 46.5/48.5
15.27: provinciali Parma 10/47 sezioni: 47% affluenza -25% rispetto al primo turno
15.24: provinciali Torino sono le più avanti per l’affluenza: 1/10 scrutinio 38% di affluenza, -34% rispetto al primo turno
15.21: i dati dell’affluenza di ieri alle 22 non preannunciano nulla di buono a naso per il centrodestra
15.20: arrivano i primi risultati sul referendum, affluenza intorno al 16%. 1 sezione sul primo quesito: sì 87.1% no 12.9%








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.