La vedova Pavarotti assessore al comune di Bologna. I grandi nomi della sinistra!

3 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ne avevamo già parlato quando era uscita l’ipotesi, ora è ufficiale: la vedova Pavarotti è nuovo assessore a Bologna.

Avete capito bene, ecco le soluzioni di qualità del centrosinistra.

La vedova di Luciano Pavarotti, che aveva dichiarato subito la propria disponibilità a dare una mano all’amico in caso di vittoria, entra dalla porta principale a Palazzo D’Accursio e diventa assessore alla Promozione culturale e alle Politiche giovanili.

La Mantovani afferma

Mi sento privilegiata nel poter operare per la mia citta’: non risparmiero’ le energie e mettero’ tutto il mio impegno ed esperienza per svolgere questo ruolo al meglio

In campagna elettorale si parlò di sovvenzioni private della Mantovani alla campagna elettorale di Delbono. Ora eccola ricompensata per le esagerate qualità politiche e culturali che metterà al servizio della città





A Bologna il Pd costringe i vecchietti a non andare in ferie o li va a prendere direttamente in spiaggia con il pullman

15 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Dopo la batosta storica del primo turno delle amministrative il Pd cerca ai ballottaggi di non peggiorare la situazione, già drammatica per loro anche in considerazione del tracollo alle europee.
A Bologna parte con un vantaggio considerevole, nonostante lo smacco di non essere riusciti a vincere direttamente al primo passaggio, e al 100% diventerà sindaco Delbono.
Ciononostante i rossi si organizzano affinchè non ci siano sorprese e per vincere le pensano tutte compreso organizzare i pullman per far votare i vecchietti e i bolognesi in ferie

Ridurre il piu’ possibile l’astensionismo e i suoi effetti. E’ questo l’obiettivo del Pd di Bologna che, in vista del ballottaggio che si terra’ il 21 e 22 giugno per scegliere il successore di Sergio Cofferati, ha deciso di mettere a disposizione un servizio gratuito di pullman che dall’Appennino emiliano e dalla Riviera Romagnola portera’ i bolognesi gia’ in ferie al seggio per votare il sindaco della citta’.

L’organizzazione è quasi militare

E’ quanto informa lo stesso Partito democratico in una nota, spiegando che per informazioni e prenotazioni si puo’ chiamare, fino a venerdi’ 19 giugno, i numeri …
L’iniziativa dei democratici, che sta gia’ sollevando polemiche, e’ rivolta a scongiurare il rischio astensionismo chiamando a raccolta i molti pensionati che stanno partendo per le vacanze in Riviera e che si troveranno gia’ li’ alla riapertura delle urne. Sara’ pubblicizzata, dalla prossima settimana, anche con volantini, locandine oltre che con il tradizionale “passaparola”

Ma questo non basta, una paura enorme (tra l’altro immotivata) serpeggia tra i democratici.

Il centrosinistra corre allora i ripari, si rivolge allo Spi-Cgil all’Arci e chiede di annullare le gite al mare dei pensionati in programma nel weekend del voto, per scongiurare l’incubo dell’astensionismo.

E tramite i sindacati organici al partito cerca di costringere gli anziani a rimanere a casa, vietando le gite

C’è il ballottaggio e i nonni restano a casa. Per votare Flavio Delbono. il rischio c’è, tanto da spegnere i motori dei pullman, dal 19 al 22 giugno, lasciando i nonni in città a soffrire il caldo per la causa pd.
Bloccate tutte le dodici leghe bolognesi dello Spi-Cgil che organizzano gite Italia-Estero per anziani e che contano 38mila iscritti. «Abbiamo dato indicazione di non organizzare viaggi nel week-end del ballottaggio» ammette Pizzica, «perché sappiamo che gli anziani vanno al mare proprio in giugno, e sarebbero molti voti persi. Nel ’99 in 40mila restarono sotto l’ombrellone». Alla Camera del lavoro di via Marconi si erano organizzati prima, «perché un po’ ci aspettavamo», ma ora il blocco delle gite è diventato operativo. Stessa idea dai circoli Arci di Giovanni De Rose, che confermano: «Niente ferie il 21 e il 22».

Poveri anziani, la causa militare Pd li costringe a essere reperibili a ogni costo. Non sia mai che il povero pensionato non accetti il diktat della sezione





Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia, Pesaro: chi vincerà alle comunali?

5 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Bologna
candidati
Cazzola (Pdl, Lega)
Guazzaloca (Udc)
Delbono (Centrosinistra)
Pasquino (indipendente di centrosinistra)

comunali ’04
centrosinistra 57.1 – centrodestra 22.2 – lista civica Guazzaloca 18.1
politiche ’08
centrosinistra 59.6 – centrodestra 31.2 – udc 3.9

Ferrara
candidati
Bregola (Comunisti)
Cavicchi (Lega, Mpa)
Dragotto (Pdl)
Ferretti (La Destra)
Modica (Udc)
Tagliani (Centrosinistra)

comunali ’04
centrosinistra 47 – centrodestra 33 – lega 1.7 – comunisti 8.8 – udc 2
politiche ’08
centrosinistra 51.7 – pdl 30.5 – lega 6.4 – comunisti 2 – la destra 2.4

Modena
candidati
Giliani (Rifondazione)
Manfredini (Lega)
Pellacani (Pdl)
Pighi (Centrosinistra)
Rossi (Idv)
Torrini (Udc)
Roncaglia (La Destra, Mpa)

comunali ’04
centrosinistra 57.5 – centrodestra 25.8 – udc 5 – idv 2.3 – comunisti 4
politiche ’08
centrosinistra 51.8 – pdl 26 – idv 4.5 – lega 6.8 – udc 3.7 – comunisti 2

Reggio Emilia
candidati
Alessandri (Lega)
Delrio (Centrosinistra)
Filippi (Pdl)
Rovacchi (Rifondazione)
Spaggiari (Udc)

comunali ’04
centrosinistra 57.2 – centrodestra 17.8 – lega 3.6 – udc 2.9 – rifondazione 4.4
politiche ’08
centrosinistra 57.5 – pdl 24.3 – lega 7.5 – udc 4 – rifondazione 2

Pesaro
candidati
Cascino (Pdl, Udc)
Ceriscioli (Centrosinistra)
Roscini (Lega)
Stafoggia (La Destra)

comunali ’04
centrosinistra 55.3 – centrodestra 23.3
politiche ’08
centrosinistra 52.6 – centrodestra 38 – lega 3 – la destra 3

A Bologna Delbono è vicino al 50% nei sondaggi ma probabilmente per poco non ce la farà subito al primo turno. Mia previsione: centrosinistra al ballottaggio

A Ferrara le percentuali delle elezioni passate ballano intorno al 50% per il centrosinistra. Mia previsione: centrosinistra al ballottaggio

A Modena la situazione è simile a Ferrara ma è più probabile una vittoria al primo turno. Mia previsione: centrosinistra al primo turno

A Reggio Emilia la Spaggiari è ex sindaco e ha sempre fatto parte della sinistra, quasi sicuro il ballottaggio con questa divisione nel centrosinistra. Mia previsione: centrosinistra al ballottaggio

A Pesaro tutto conterà sul fatto del gradimento di Ceriscioli, personalmente non so come ha governato, dovrà comunque lottare per vincere subito. Mia previsione: centrosinistra al primo turno





Cofferati non lo vuole più nessuno

26 03 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Come tutti saprete Cofferati a ottobre annunciò che non si sarebbe ricandidato a Bologna con queste motivazioni

Non mi ricandiderò alle elezioni del 2009. Non si può essere sindaco a Bologna e padre a Genova. Non si può chiedere a un bimbo di pochi mesi di trascorrere in autostrada i primi sei anni della sua vita

In questi mesi ci sono state tantissime indiscrezione sulla possibile candidatura di Cofferati alle europee. E ultimamente è uscito con dichiarazioni forti contro Delbono, candidato sindaco del Pd a Bologna. Una presa di posizione in attesa della candidatura?

Il futuro di Sergio Cofferati all´origine dell´esternazione del sindaco contro Delbono? Non ci credo e sa perché? Perché Dario Franceschini gli ha offerto una candidatura alle europee

D’altronde lui è ancora voglioso di politica con posti da protagonista

Non voglio stare fermo. Ho ancora voglia e energie e ho detto che se il mio partito riterra’ opportuno un mio utilizzo, purche’ compatibile con la mia scelta di vivere a Genova, sono disponibile

Il problema è che nessuno lo vuole nella propria circoscrizione.

Partiamo dalla Bresso, governatrice del Piemonte

I due non si piacciono. E le ragioni ci sono tutte. Lunedì, alla direzione del Pd, il governatore del Piemonte, Mercedes Bresso, non è stata tenera con un’eventuale candidatura alle Europee del sindaco Sergio Cofferati: «Mi batterò con forza perché non sia capolista». Cofferati ha risposto al colpo: «Bresso parla della sua mancata candidatura». Come dire: attacca me perché non candidano lei. Un messaggio che il governatore non ha intenzione di lasciar passare.
Governatore, ma in pole per le Europee non c’era anche lei?
«Guardi, io sto bene a fare il governatore e non sono disponibile a dimettermi per l’Europa. Ho solo dato la mia disponibilità a una candidatura di servizio, ma l’anno prossimo mi ricandido in Piemonte. Io non ho problemi di famiglia».
Come Cofferati, intende? Ma perché vedere il sindaco di Bologna alle Europee le dà così fastidio?
«Ha appena detto di volersi dedicare solo della famiglia, le pare normale candidare uno che ha fatto una scelta del genere?».
Magari le due cose possono convivere, l’impegno a Bruxelles non è molto gravoso.
«I nostri elettori non voterebbero una persona che dice di non candidarsi a sindaco per stare con la famiglia. Non vogliamo far ridere nessuno, tutti sanno che Bologna è a trecento chilometri da Genova, mentre Bruxelles a duemila

Anche la Melandri si schiera contro

E’ Cofferati che ha chiesto di non ricandidarsi a Bologna per motivi personali e quindi tornare a Genova, non credo che Bruxelles o Strasburgo siano più vicini di Bologna a Genova. Peraltro quando ci comunicò questa sua decisioni l’ho un po’ criticato – ovviamente gli voglio bene – perché prendendolo sul serio ho pensato a tutte noi donne che dobbiamo fare mille sacrifici per conciliare il lavoro con la vita privata

Persino il capodelegazione piemontese all’europarlamento non è favorevole

Non è possibile che chi annuncia di non potersi ricandidare a sindaco di Bologna perché vuole dedicarsi alla famiglia, al figlio, alla sua vita insomma, poi possa essere disponibile per fare il parlamentare europeo. In questo modo si avvalora la tesi di chi pensa che quel parlamento sia come i vecchi capitoli delle cattedrali dove venivano relegati i canonici a riposo. A Bruxelles si difendono interessi vitali per l’Italia e abbiamo a fianco colleghi di altri paesi, agguerriti e capaci di fare lobby. Per questo non abbiamo bisogno di candidati a mezzo servizio. Biella non sarà Bologna, ma in passato ho fatto anch’io il sindaco, lì, e anch’io avevo un bimbo cui cambiare i pannolini di notte. Fare l’europarlamentare non è meno faticoso…

Riuscirà l’eroe Cofferati a prendere la desiderata candidatura? E potrà felicemente portarsi il pargolo all’europarlamento?

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Il PD tira fuori l’asso, a Bologna sarà assessore (se vincono) la vedova Pavarotti

20 01 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Il rinnovamento nel PD è una priorità. E le grandi candidature arrivano ogni giorno. Dopo Boosta dei Subsonica di cui avevamo già parlato un nuovo pezzo da novanta scende in campo.

E’ Nicoletta Mantovani, vedova di Pavarotti a cui è già stata annunciata la nomina ufficiosa ad assessore alla Cultura, se a Bologna vincerà alle comunali il centrosinistra

Non ho paura della politica, la vedo come una bella sfida. Delbono lo considero già il mio sindaco, per questo ho accettato di far parte della sua squadra.

Insomma farà parte della squadra di Delbono

Nicoletta Mantovani, vedova di Luciano Pavarotti, ha annunciato ieri sera di aver accettato di far parte della squadra di Flavio Delbono, che il 6 e 7 giugno correrà per la poltrona di sindaco. Una motivazione su tutte, che l´ha spinta a fare il grande salto è presto detta. «Bologna, la mia città, che amo e voglio migliorare».

Lo stesso candidato PD conferma

E vero, da tempo lavoriamo insieme. Nicoletta è una di quelle energie di cui Bologna ha bisogno per promuovere le proprie attrattività

Che candidatura di peso. Bologna, città di cultura, ha bisogno di certi nomi di qualità. Veltroni è un maestro nel tirar fuori dal cilindro certe figurine dal valore immenso.

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.