E ora il centrosinistra rischia di perdere 6 regioni l’anno prossimo

24 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

screen-capture

Mannheimer sul Corriere analizza gli scenari elettorali in vista del prossimo scontro elettorale: le regionali 2010.

Dall’analisi si evidenzia che in prospettiva, restando stabili le proporzioni tra i poli, il centrosinistra rischia di perdere in modo netto anche le prossime regionali.

Malgrado la perigliosità della comparazione, il quadro che emerge esaminando i risultati delle Europee nelle regioni che andranno alle urne l’anno prossimo è di grande interesse. Solo in sei regioni sulle tredici interessate al voto nel 2010, i risultati delle Europee hanno confermato la maggioranza in carica al governo della Regione. Si tratta di Lombardia, Veneto (tradizionali roccaforti del centrodestra), Emilia Romagna, Toscana, Umbria (a loro volta contesti in cui la prevalenza del centrosinistra è da tempo consolidata) e Basilicata.

Nel particolare

In Piemonte, infatti, la distanza tra centrodestra e centrosinistra emersa dalle Europee è tale da rendere la previsione di una ripetizione dell’esito nel 2010 meno improbabile. In questa regione, peraltro, il centrodestra ha prevalso già nelle Politiche del 2008 e nelle sei province in cui si è votato per le Provinciali quest’anno. In tutte le altre regioni «in bilico» il distacco è più contenuto e tale da rendere determinante l’alleanza di uno schieramento o dell’altro con l’Udc e/o l’eventuale accordo del centrosinistra con le forze della sinistra radicale. Ad esempio, i voti dell’Udc (o della sinistra radicale) compenserebbero il distacco tra centrodestra e centrosinistra in Liguria. Ma anche qui il centrodestra ha prevalso nelle Politiche e nell’unica competizione provinciale. La distanza tra i due schieramenti è talmente bassa nelle Marche e in Calabria (ma anche in Umbria) da rendere possibile ogni risultato. Come si sa, nelle prime il centrosinistra ha prevalso nelle Provinciali e anche alle Politiche dell’anno scorso. Anche in Calabria il centrosinistra ha vinto le Provinciali, ma ha perso le Politiche del 2008. Ancora, in Puglia – che pure mostra una differenza del 13% tra il centrodestra e il centrosinistra, l’esito dell’Udc e della sinistra radicale è tale da rendere ipotizzabile, in caso di alleanze, esiti diversi. Qui però il centrodestra ha vinto anche alle Provinciali e alle Politiche.

In definitiva

Questi dati nel loro insieme mostrano ancora una volta la prevalenza del centrodestra. Se il Pd – e il centrosinistra in generale – vuole affrontare più fiduciosamente le Regionali dell’anno prossimo, è necessario che imposti al più presto una precisa e coerente politica delle alleanze. Con scelte il più possibile nette e definite. Oltre che, naturalmente, che chiarisca la linea politica e, specialmente, la leadership.

Guardando la tabella del Corriere si evince che in Piemonte il ribaltone è veramente alla portata del centrodestra. A seguire direi la Campania dove nel caso di alleanze l’Udc è più propensa (viste le amministrative) ad allearsi con il Pdl. Poi ci sono i casi di Puglia e Lazio dove in teoria il centrodestra parte avvantaggiato ma dove l’Udc potrebbe allearsi con il centrosinistra. Infine Liguria e Calabria. In quest’ultima l’Udc potrebbe unirsi con il Pdl, come ha fatto i ballottaggi rendendo possibile il ribaltone. La Liguria è regione storicamente rossa ma un cambio di colore è alla portata del centrodestra. Poi ci sarebbero le Marche dove pur, in condizioni di direi pareggio e dopo amministrative/europee che han visto vittorie del centrodestra (che ha preso Macerata e Ascoli) reputo difficile una vittoria azzurra.





Ispo: PDL al 44%, PD crolla al 28% e Veltroni si inventa altri numeri

30 06 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

PDL in grandissima ascesa secondo l’ultimo sondaggio della ISPO di Mannheimer, commissionato dal Corriere della Sera .
Rispetto alle elezioni politiche in percentuale:
-PDL +7.2%
-PD -5.1%
-LEGA -0.5%
-IDV +3%
-UDC -0.7%
-SIN.ARC +1.2%
-LA DESTRA =
-PS -0.7%
-MPA -0.9%

E in questa desolante (per lui) situazione Veltroni (che già si era inventato numeri sulle elezioni 2008 come abbiamo spiegato qui) oggi si inventa sondaggi immaginari
”In un mese, stando ai sondaggi, il consenso del governo e’ sceso, sono convinto che non e’ utile l’idea della spallata ma non pensavo che dopo un mese il governo si sarebbe trovato in questa situazione – spiega Veltroni ai suoi deputati – dobbiamo smettere di considerare il Pdl un’armata invincibile altrimenti ci facciamo male da soli”.

Ma di quali sondaggi straparla? Portiamolo alla neuro che sta impazzendo

Per la cronaca questo sondaggio è stato fatto il 26 giugno e pubblicato il 29, in piena battaglia berlusconi-magistrati. Pare dunque che tutte le polemiche non abbiano assolutamente scalfito il seguito crescente dovuto al buongoverno dei primi mesi di potere berlusconiano

Vota e segnala su
oknotizie : Wikio : Dicevi : Invia a Kipapa : segnalo : diggita : add to del.icio.us : Digg it : Stumble It! : : post to facebook : : :








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.