Previsioni e sondaggi Regionali: Udc ago della bilancia quasi ovunque

20 08 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Sono stati pubblicati a fine luglio sul Riformista i sondaggi dell’Istituto Piepoli in merito alle previsioni sulle regionali 2010 con le opzioni dell’Udc alleato o al centrodestra o al centrosinistra…

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI





E ora il centrosinistra rischia di perdere 6 regioni l’anno prossimo

24 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

screen-capture

Mannheimer sul Corriere analizza gli scenari elettorali in vista del prossimo scontro elettorale: le regionali 2010.

Dall’analisi si evidenzia che in prospettiva, restando stabili le proporzioni tra i poli, il centrosinistra rischia di perdere in modo netto anche le prossime regionali.

Malgrado la perigliosità della comparazione, il quadro che emerge esaminando i risultati delle Europee nelle regioni che andranno alle urne l’anno prossimo è di grande interesse. Solo in sei regioni sulle tredici interessate al voto nel 2010, i risultati delle Europee hanno confermato la maggioranza in carica al governo della Regione. Si tratta di Lombardia, Veneto (tradizionali roccaforti del centrodestra), Emilia Romagna, Toscana, Umbria (a loro volta contesti in cui la prevalenza del centrosinistra è da tempo consolidata) e Basilicata.

Nel particolare

In Piemonte, infatti, la distanza tra centrodestra e centrosinistra emersa dalle Europee è tale da rendere la previsione di una ripetizione dell’esito nel 2010 meno improbabile. In questa regione, peraltro, il centrodestra ha prevalso già nelle Politiche del 2008 e nelle sei province in cui si è votato per le Provinciali quest’anno. In tutte le altre regioni «in bilico» il distacco è più contenuto e tale da rendere determinante l’alleanza di uno schieramento o dell’altro con l’Udc e/o l’eventuale accordo del centrosinistra con le forze della sinistra radicale. Ad esempio, i voti dell’Udc (o della sinistra radicale) compenserebbero il distacco tra centrodestra e centrosinistra in Liguria. Ma anche qui il centrodestra ha prevalso nelle Politiche e nell’unica competizione provinciale. La distanza tra i due schieramenti è talmente bassa nelle Marche e in Calabria (ma anche in Umbria) da rendere possibile ogni risultato. Come si sa, nelle prime il centrosinistra ha prevalso nelle Provinciali e anche alle Politiche dell’anno scorso. Anche in Calabria il centrosinistra ha vinto le Provinciali, ma ha perso le Politiche del 2008. Ancora, in Puglia – che pure mostra una differenza del 13% tra il centrodestra e il centrosinistra, l’esito dell’Udc e della sinistra radicale è tale da rendere ipotizzabile, in caso di alleanze, esiti diversi. Qui però il centrodestra ha vinto anche alle Provinciali e alle Politiche.

In definitiva

Questi dati nel loro insieme mostrano ancora una volta la prevalenza del centrodestra. Se il Pd – e il centrosinistra in generale – vuole affrontare più fiduciosamente le Regionali dell’anno prossimo, è necessario che imposti al più presto una precisa e coerente politica delle alleanze. Con scelte il più possibile nette e definite. Oltre che, naturalmente, che chiarisca la linea politica e, specialmente, la leadership.

Guardando la tabella del Corriere si evince che in Piemonte il ribaltone è veramente alla portata del centrodestra. A seguire direi la Campania dove nel caso di alleanze l’Udc è più propensa (viste le amministrative) ad allearsi con il Pdl. Poi ci sono i casi di Puglia e Lazio dove in teoria il centrodestra parte avvantaggiato ma dove l’Udc potrebbe allearsi con il centrosinistra. Infine Liguria e Calabria. In quest’ultima l’Udc potrebbe unirsi con il Pdl, come ha fatto i ballottaggi rendendo possibile il ribaltone. La Liguria è regione storicamente rossa ma un cambio di colore è alla portata del centrodestra. Poi ci sarebbero le Marche dove pur, in condizioni di direi pareggio e dopo amministrative/europee che han visto vittorie del centrodestra (che ha preso Macerata e Ascoli) reputo difficile una vittoria azzurra.





Soru e le sue previsioni “Siamo avanti di 8 punti, nettamente in vantaggio”

17 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

A risultati quasi acquisiti e con un Cappellacci nettamente vittorioso, possiamo soffermarci un po’ sulle previsioni della vigilia.
Immagino che Soru fosse stato prudente, avesse capito le difficoltà. Ne sono sicuro!

E invece il caro Soru durante la campagna elettorale è stato in grado di regalarci questa perla tragicomica

Come? Il presidente del Consiglio parla di quattro punti di vantaggio? Personalmente non trovo corretto diffondere dati con tanta leggerezza in campagna elettorale. Comunque non dicono la verità, perché loro la verità la conoscono molto bene. E cioé che noi siamo avanti di otto punti

Insomma Soru con un effetto esilarante a posteriori non solo diceva di essere sicuro della vittoria ma anche di un vantaggio bello grande. Probabilmente aveva la febbre quando se ne è uscito con questa barzelletta.

Ma d’altronde a sinistra non sono nuovi a queste figuracce, tutti ricorderemo Veltroni parlare di più grande rimonta della storia, di una partita che avrebbero vinto al tie break, della freccia del sorpasso, di un pd come la nazionale di Bearzot del 82

Lo stesso Di Pietro prima delle regionali abruzzesi disse, come avevamo già segnalato, queste parole

Berlusconi da’ i numeri e da’ di testa. Infatti mente sapendo di mentire. Anche noi abbiamo i nostri sondaggi e sappiamo che la coalizione guidata da Carlo Costantini e’ quasi 5 punti avanti rispetto a quella guidata da Chiodi. Questo continuo mentire di Berlusconi dimostra che vuole taroccare i voti e prendere in giro gli abruzzesi

Non solo questi signori continuano a prendere bastonate ma collezionano frasi che rimarranno nella storia per la loro comicità. Continuano a inventarsi numeri, prendono in giro i sondaggi berlusconiani (che ogni volta si rivelano azzeccati), professano vantaggi fantascientifici e puntualmente invece vengono puniti dalle urne.

Poi ci si chiede perchè il centrosinistra continua a essere asfaltato ovunque, finchè non manderà via certi personaggi che hanno attaccata sulla fronte la patente di cazzari c’è poco da fare

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Elezioni Sardegna – scrutinio in diretta

16 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ci vediamo domani mattina con i risultati, con un’analisi del voto e con una chicca comica in merito alle previsioni. Grazie a tutti per averci seguito in questa diretta

00.06: 806/1812 sezioni Cappellacci 50 Soru 44,9

23.54: Ugo Cappellacci commenta il suo vantaggio su Renato Soru, dopo lo scrutinio di oltre 600 sezioni. “Mi aspettavo una vittoria ma non di queste proporzioni: questi dati ancora non ancora definitivi ci rendono felici”

23.45: 700/1812 sezioni Cappellacci 50.4 Soru 44.74

23.16: 683/1812 sezioni Cappellacci 50,1 Soru 45,1. Il vantaggio si sta stabilizzando

23.15: Curiosità: Carbonia e Iglesias fanno provincia ma mentre nella prima Soru è avanti di 5 punti, a Iglesias Cappellacci è avanti di 25. In pochi chilometri una tale differenza è incredibile

23.01: 625/1812 sezioni Cappellacci 50,1 Soru 45,2

22.58 Alghero (49/53) Cappellacci 51,6 Soru 44,6 Oristano (26/35) Cappellacci 53.9 Soru 40.5 Olbia (24/48 ) Cappellacci 59,2 Soru 37,8

22.43: Sempre più vergognoso il ritardo dello scrutinio. In America a 7 ore dalla chiusura dei seggi si sapeva già il presidente

22.39: Soru 44.9 Cappellacci 50.4 sez. 523/1812 29% delle sezioni scrutinate

22.09: cdx (pdl+autonomie/mpa+rif.sardi) = 38.5% csx (pd+idv) = 31.6

22.09: Sezioni 426/1812 Soru 45.4% – Cappellacci 49.8%

22.05: Termometro Politico assegna la vittoria nelle elezioni regionali in Sardegna a Ugo Cappellacci, candidato del centrodestra, che sconfigge Renato Soru, presidente uscente, candidato dal centrosinistra.

21.56: Buon risultato per i comunisti (rifo+pdci+la sinistra) che sono al 7.5% rispetto al 3.6% della sinistra arcobaleno delle politiche. PD drenato di voti sia a destra che a sinistra ma stranamente non dall’idv

21.54: A sorpresa leggerissimo vantaggio di Soru (+1%) nel nuorese dove si attendeva un vantaggio ben più marcato per il patron di Tiscali

21.45: Gran risultato dell’Udc che al momento guadagna 4 punti rispetto alle politiche (dal 5.6 al 9.4)

21.44: Olbia 15/48 Cappellacci 59,2 Soru 37,9

21.27: Da segnalare il PD che al momento rispetto alle politiche crolla dal 36.2% al 25.8%

21.24: 309 SEZIONI SU 1.812 (fonte: Nova TV): Cappellacci 50,0% Soru 45,3% Siamo quasi al 20% dello spoglio

21.23: Incredibile risultato dei Riformatori Sardi al 8.5%. Alle politiche erano dentro il pdl, un po’ di riformismo-liberalismo si fa sentire?

21.16: Pare che il piano paesaggistico sulle coste non sia piaciuto, Cappellacci domina ovunque sulle coste sarde

21.09: Risultati provvisori (250 sezioni scrutinate su 1.872) Cappellacci 49,6% (53.070 voti), Soru 45,7% (48.889 voti)

20.52: 10% sezioni totali: Cappellacci 49%, Soru 46.3%

20.49: La seconda proiezione di Termometro politico assegna a Soru il 44.5-48.5% e a Cappellacci il 46.5-50.5%

20.29: 174 sezioni Cappellacci 48.6% Soru 46.6%

20.26: Iglesias (24% sezioni) Cappellacci 59%, Oristano (7/35) Cappellacci 57%, Alghero (38/53) Cappellacci 52%. La tendenza è positiva per Cappellacci

20.05: 153 sezioni su 1812 Soru 48%, Cappellacci 47.5%

20.04: cagliari, aumenta il vantaggio di cappellacci 71 sez su 179 soru 44.9 cappellacci 51.3

20.00: si prevede un risultato molto combattuto. Delle sezioni scrutinate molte vengono da Cagliari (meglio Cappellacci) e Sassari (meglio Soru)

19.53 127 sezioni su 1812 Soru 49.1% Cappellacci 46.1%

19.28: I dati pervenuti alla Regione (107 sezioni su 1812) vedono Soru in testa col 49,7% dei consensi nei confronti di Cappellacci che si attesta al 45,3%.

19.28: Secondo la prima proiezione realizzata da Termometro Politico i due candidati sono in parità, tra 46 e 50%. Dal punto di vista della geografia elettorale si segnala, allo stato delle cose, una certa spaccatura tra le diverse aree della Sardegna, che rende in ogni caso impossibile fornire una stima più precisa a questo punto. In particolare, Sassari spingerebbe in alto Soru, che è però bilanciato verso il basso dai dati di Cagliari, Oristano e Iglesias

19.22: 30% sezioni scrutinate a Cagliari: cappellacci 50.24 soru 45.82

19.12: Primi dati seri, Risultati provvisori (61 sezioni scrutinate su 1.872): Cappellacci 48,9%, Soru 46,9%

18.51: Dopo 3h50m si sveglia il sito della Regione

18.46: Cagliari, 31 sezioni Cappellacci 50.8%, Soru 45.4%

18.44: Sito Corriere, 8 sezioni scrutinate Soru 57.8 Cappellacci 37.5

18.26: Nel Comune di Cagliari, dopo lo spoglio di 4 sezioni su 565, Soru è in vantaggio su Cappellacci

18.23: 10% sezioni scrutinate ad Oristano. Cappellacci intorno al 60%

18.11: Abbastanza incredibile che dopo tutte queste ore per sapere i risultati si debba saltellare nei siti dei comuni

18.07: Ad Iglesias 4 sezioni scrutinate, Cappellacci doppia Soru

17.57: Ad Alghero una sezione scrutinata, avanti Cappellacci

17.23: Affluenza nelle province: Sassari 69,19%; Carbonia-Iglesias 64,50%; Cagliari 67,58%; Medio Campidano 64,96%; Nuoro 69,54%; Ogliastra 67,14; Gallura 68,85%; Oristano 65,72%; Olbia Tempio 68,85%

17.12: prime sezioni scrutinate a Sassari. Soru nettamente avanti

17.07: (ANSA) – CAGLIARI, 16 FEB – E’ del 67,58% il dato definitivo sull’affluenza alle urne in Sardegna per l’elezione del governatore e il rinnovo del Consiglio regionale. La percentuale e’ stata rilevata alle 15, alla chiusura dei seggi. Nelle Regionali del 2004 aveva votato il 71,2% degli aventi diritto.
Un dato che riporterebbe la partita secondo le previsioni combinate affluenza-candidati su un sostanziale pareggio, con distacchi potenziali inferiori al 2%

17.00: Affluenza definitiva: Alghero 65,34 %

16.53: Secondo L’Unità, I primi scrutini di voti nella zona di Oristano, tradizionalmente di centrodestra, vedrebbero i due candidati alla pari.

16.32: Ci si aspetta un’alta affluenza, soprattutto nelle province più vicine a Soru che da più parti è dato in vantaggio

16.11: Il sondaggio di Crespi non è un exit-poll ma un sondaggio di venerdì, rivela da fonte diretta The Right Nation

16.10 Affluenza definitiva: Olbia 67%

16.06 Affluenza definitiva: Nuoro 74.18% – Sassari 69.37%. Più alta del previsto, favorito Soru in queste condizioni

16.02 Secondo Crespi per Red Tv e L’Unità
«Ha vinto del 1.5%, Renato Soru e sarà riconfermato governatore», è quello che dice a Red Tv Luigi Crespi, direttore dell’Istituto Crespi, intervistato da Aldo Torchiaro.
«La differenza – secondo il sondaggista Crescpi – tra il voto di lista nel centrodestra e quello a Cappellacci, che è mancato, sta negli elettori dell’Udc, Riformisti, Sardi d’Azione e del Nuovo Psi che hanno votato la loro lista ma poi, in molti casi, hanno votato Soru anzichè Cappellacci, identificato con Berlusconi».

15.58: Secondo Freedomland una fonte vicina al Centrodestra ci dice di un Soru in vantaggio di 2.2 punti su Cappellacci.

15.42: Secondo The Right Nation Cappellacci 49.4 – Soru 48.7

15.40: Secondo Freedomland Cappellacci 49.26 – Soru 48.46.
Ma è un dato che non tiene conto della correzione dell’affluenza e potrebbe sovrastimare di qualche decimo Cappellacci. Se l’affluenza fosse confermata attorno al 64%, Cappellacci potrebbe essere leggermente sopra.

Risultati Regionali 2005:

Soru (csx) 50.2% – Pili (cdx) 40.5%

Partiti: FI 15.1 % – DS 13.3% – Margherita 10.8% – UDC 10.3% – Progetto Sardegna (csx) 7.8% – AN 7.4% – Riformatori (cdx) 5.9% – Fortza Paris (cdx) 4.5% – Rif. Com 4.1% – SDI 3.6% -

Risultati Politiche 2008:

PDL 42.4% – MPA 0.6% – PD 36.2% – IDV 4% – UDC 5.6% – SA 3.6% – PS 1.6% – La Destra 1.5% – PS.d.AZ 1.5% – Sardigna Natzione 0.7%

Cappellacci è sostenuto dal centrodestra+udc+ps.d.az tot= 50.2%

Soru è sostenuto dal centrosinistra + i partiti comunisti tot=43.6%

Ricaricate la pagina per vedere le novità.

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio;





Elezioni Abruzzo – scrutinio in diretta

15 12 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

21.48: 55% sezioni: Chiodi 49.6% – Costantini 42.3% – De Laurentiis 5% – Buontempo 1.9%

Partiti: Centrodestra 47.9% con il PDL che sommato a Rialzati Abruzzo e Liberalsocialisti (facenti parte del PDL) arriva al 45%

Centrosinistra = Unione al 44.7% con il PD crollato al 20.6%, IDV al 14.5%, sinistra radicale al 5.7%, socialisti al 1.5%

19.39: 28% sezioni: Chiodi 50.7% – Costantini 41.8% – De Laurentiis 4.7%

18.56: Di Pietro «I partiti che non sono né carne né pesce – chiosa – che fanno riunioni, che dicono “ma anche” e che non si decidono vengono puniti».

18.18: 10% sezioni scrutinate: Chiodi 51.4% – Costantini 41.3% – De Laurentiis 4.6%

17.55: 104 sezioni – Chiodi 51.5% – Costantini 40.7% – De Laurentiis 5.1%

17.34: Tra i voti di lista, sempre in base ai dati parziali, da segnalare il forte calo del Partito Democratico, che si attesta attorno al 20% rispetto al 33,5% delle Politiche di aprile. A beneficiare del tracollo del Pd è l’Italia dei Valori, che dal 7% sale al 10% circa. In crescita il Popolo della Libertà, dal 40,5% delle Politiche al 45% circa. Bene le liste socialiste, male la sinistra radicale.

16.42: prime 10 sezioni (scrutino a rilento): Chiodi 55.5% – Costantini 39.8% – De Laurentiis (Udc) 3%

16.25: Proiezione Termometro Politico – Chiodi 46-50% vs Costantini 40-44%

16.20: Carapelle Calvisio è il primo comune che ha concluso lo scrutinio. Solo 50 i votanti. Questo il risultato: 72% Chiodi, 24% Costantini, 4% La Destra.

16.16: Il sondaggio riservato Ipsos di sabato  assegnava a Gianni Chiodi, del centrodestra, il 50% delle preferenze, contro il 42% di Carlo Costantini del centrosinistra.

16.05: Secondo una prima proiezione di Rete 8 il candidato vincitore è Gianni Chiodi.
Con un margine di errore del 4% Chiodi la spunterebbe con il 48,75% dei voti, Costantini si fermerebbe al 42%, De Laurentiis (Udc) al 5,25%, Teodoro Buontempo (La Destra) al 2,5%, Del Biondo (Comunisti Lavoratori) all’1% e Di Prospero (Per il bene comune) 0,50%.

16.01: prima sezione scrutinata. Chiodi (centrodestra) al 65%

Ricaricate la pagina per vedere le novità.

Votate quest’articolo su OK Notizie








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.