Le ronde furono inventate dal Partito Comunista nel 1945 (e ancora ora la sinistra le usa)

20 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Le ronde, le tanto odiate ronde. La sinistra non le può sopportare e continua a criticarle in Parlamento (e fuori) quotidianamente. Ma le ronde sono esterne al dna della sinistra?

Secondo uno storico no

Le ronde? Furono inventate dal Pci, a Modena, subito dopo la fine della guerra. Ad affermarlo e’ il pubblicista e ricercatore Roberto Gremmo in un articolo che verra’ pubblicato sulla rivista ‘Storia ribelle’. Gremmo, basandosi su documenti custoditi dall’Archivio di Stato nei fascicoli della ”Divisione affari generali riservati” della Pubblica sicurezza, riferisce che l’idea di ”istituire squadre civili con il compito di collaborare al mantenimento dell’ordine” venne al segretario della Camera confederale del lavoro di Modena, Galavotti, dopo un attentato, il 5 novembre 1945, alla sede locale del partito comunista. Ricevuta la proposta da Galavotti, ”il prefetto Zanetti – scrive Gremmo – chiese un parere al governo e il 20 novembre il capo della polizia gli risposte sostenendo che ‘l’opera volontaria dei componenti i pattuglioni di vigilanza’ sarebbe stata gradita”. ”Il prefetto – aggiunge – riteneva che le squadre dovessero venir composte da cittadini di tutti i partiti”.

E quindi si venne a scoprire che le ronde sono pure un’invenzione sinistra

D’altronde l’incoerenza su questo tema non è solo storica ma molto attuale. Infatti

Anche il centrosinistra ha un’anima «rondista». Prima an­cora dell’approvazione del ddl sul­la sicurezza voluto dal centrodestra e in particolare dalla Lega, diverse amministrazioni guidate dal Pd hanno dato il via libera alle squa­dre di volontari per la sicurezza, per il presidio del territorio o per il decoro urbano. Appunto le ronde.

Nel particolare

Il laboratorio delle «ronde dolci» di centrosinistra è l’Emilia Roma­gna. Qui una legge regionale voluta dal governatore Vasco Errani nel 2003 ha spianato la strada alle asso­ciazioni civiche che mandano i vo­lontari davanti alle scuole, nei par­chi, addirittura nei cimiteri. anche in Emilia Romagna c’è chi nel Pd ave­va intravisto nelle ronde un aiuto al­la sicurezza: Sergio Cofferati, quan­do era sindaco di Bologna, nello scorso febbraio aveva affermato che i cittadini «possono dare un contri­buto al presidio del territorio», pur­ché le iniziative non assumano «co­lore o valenza politica».

E anche nella Lombardia domi­nata dal verde della Lega e dall’az­zurro del Pdl, ci sono stati ammini­­stratori di spicco del Pd che hanno aperto più di uno spiraglio alle ron­de: Filippo Penati, prima di perde­re la presidenza della Provincia di Milano, aveva stanziato 250 mila euro a favore dei Comuni del terri­torio per finanziare le associazioni di volontari. Una mossa, quella di Penati, che è andata oltre a quanto stabilito il governo, secondo il qua­le le ronde non devono gravare sul­le casse pubbliche.

E ancora in Liguria c’è il caso Al­benga: il sindaco Antonello Tabbò, centrosinistra, aspettando di poter installare decine di telecamere per la videosorveglianza ha lanciato una sorta di «ronde istituzionali». Lui stesso, insieme agli assessori della sua giunta e ai consiglieri di maggioranza, è sceso in strada di notte accompagnando nei pattuglia­menti polizia municipale e forze del­l’ordine, anche se con una valenza simbolica più che reale: «Per far sen­tire ai vigili e alla cittadinanza che siamo loro vicini nella lotta per la si­curezza ».

In Veneto Achille Variati, sinda­co di Vicenza, ha annunciato l’istitu­zione di una scuola per volontari della sicurezza. Flavio Zanonato, confermato alle ultime amministra­tive alla guida di Padova, già in pas­sato ha schierato i «nonni-vigili» davanti alle scuole e nei parchi

Al Sud almeno due sindaci di centrosinistra si sono detti favore­voli alle ronde: Michele Emiliano (Bari) e Vincenzo De Luca (Saler­no)

Insomma le ronde la sinistra le ha sempre sostenute a livello locale ma poi in parlamento è furiosamente contro. E’ legittimo essere contrari ma ci si aspetterebbe che un pensiero piuttosto unitario a livello nazionale si prefigurasse uguale anche sul territorio. E la realtà dice altro. La solita coerenza sinistra





Sondaggio: Italiani molto favorevoli a respingimenti e ronde. Bene anche su crisi, terremoto e sul caso Lario…

21 05 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Segnalo un sondaggio su alcuni temi importanti, pubblicato da Demos per Repubblica. Stranamente sia il sondaggio elettorale (che vede aumentare il distacco delle due coalizioni da 8 a 15 punti) che quelli sui temi specifici sono nascosti dalla Pravda sinistra.

Ecco alcuni importanti grafici
Respingimenti

Ronde

Caso Lario

Inoltre
77% giudizi positivi sulla gestione del terremoto in Abruzzo
53% giudizi positivi sulla gestione della crisi economica

Insomma il governo, sia nelle intenzioni di voto, che sui singoli provvedimenti ha dalla sua parte una grandissima parte del paese. Ci si chiede sempre di più come la sinistra sia riuscita nel difficile intento di essere sempre dall’altra parte, rispetto al sentire degli italiani.





Ecco tutte le norme del ddl Sicurezza

13 05 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Domani ci sarà il voto finale per il ddl sicurezza, che oggi ha ottenuto 3 voti positivi con la fiducia.

Ecco le principali novità

Introduzione del reato di immigrazione clandestina; prolungamento fino a 180 giorni della permanenza nei Cie, i Centri di identificazione ed espulsione, degli extracomunitari che entrano in Italia senza permesso di soggiorno; istituzione delle ronde, che dovranno essere formate da ex agenti; inasprimento del 41 bis per i reati di mafia; obbligo di denuncia del ‘pizzo’ per i costruttori. Sono queste alcune delle norme più significative del ddl sicurezza del governo.
Il voto finale dell’assemblea di Montecitorio sul provvedimento nel suo complesso è previsto per domani nella tarda mattinata. Oggi la Camera ha votato i tre maxiemendamenti al testo.

L’immigrazione clandestina (‘ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato’) diventa quindi un reato. I clandestini non rischiano l’arresto ma un’ammenda dai 5mila ai 10mila euro. La norma renderà possibile denunciare i clandestini all’autorità giudiziaria. L’extracomunitario che arriva in Italia senza permesso di soggiorno potrà essere trattenuto nei Cie fino a 180 giorni. Ora il periodo è di due mesi. Le nuove norme, inoltre, prevedono che per avere la cittadinanza si dovranno pagare 200 euro. Per il permesso di soggiorno invece il contributo sarà fissato dai ministeri dell’Interno e dell’Economia e potrà oscillare tra gli 80 e i 200 euro. Il coniuge straniero di un cittadino italiano può acquisire la cittadinanza quando, dopo il matrimonio, risieda legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica, oppure dopo tre anni dalla data del matrimonio se risiede all’estero.

Saranno intensificati i controlli sul trasferimento di valuta per contrastare il riciclaggio anche ai fini di finanziamento al terrorismo. Gli agenti di attività che si occupano dell’incasso e del trasferimento dei fondi dovranno conservare per 10 anni una copia del titolo di soggiorno se chi ordina l’operazione è cittadino extracomunitario. La cancellazione dall’elenco degli agenti è la sanzione per chi non ottempera a tale obbligo.

Inoltre, lo straniero che, raggiunto da provvedimento di espulsione, continua a rimanere illegalmente in Italia nonostante il provvedimento del questore, va incontro ad una pena detentiva da sei mesi a un anno se l’espulsione è stata disposta perché il permesso di soggiorno è scaduto da più di 60 giorni e non ne è stato chiesto il rinnovo o se la domanda di titolo di soggiorno è stata rifiutata. La pena va da uno a quattro anni se lo straniero è raggiunto da un provvedimento di espulsione perché è entrato in Italia illegalmente o non ha chiesto il permesso di soggiorno nel termine prescritto, in assenza di cause di forza maggiore. La pena aumenta da uno a cinque anni se lo straniero destinatario dell’ordine di espulsione e di un nuovo ordine di allontanamento continua a rimanere illegalmente in Italia.

Rischia il carcere fino a tre anni chi dà in alloggio o affitta anche una stanza a stranieri che risultino irregolari al momento della stipula o del rinnovo del contratto di locazione. Ma ci deve essere un ingiusto profitto. Le nuove norme prevedono tra l’altro l’istituzione presso il ministero dell’Interno di un fondo rimpatri per finanziare le spese per il rimpatrio degli stranieri verso i Paesi di origine.

Nel provvedimento trovano posto le ronde, fortemente volute dalla Lega: associazioni di cittadini potranno segnalare alle forze dell’ordine situazioni di disagio sociale o di pericolo. Saranno iscritte in elenchi, non potranno essere armate e prioritariamente dovranno essere formate da ex agenti.

In arrivo anche il ‘registro dei clochard‘: coloro che sono senza fissa dimora saranno schedati in apposito registro istituito presso il Viminale.

Ritorna il reato di oltraggio a pubblico ufficiale: chi insulta un pubblico ufficiale rischia fino a 3 anni di carcere. Ma se si risarciscono agente ed ente cui questo appartiene, il reato si estingue. Nessuna condanna, invece, se è il pubblico ufficiale ad aver commesso atti arbitrari.

Il provvedimento del governo affronta anche questioni legate ai reati di mafia: vengono inasprite le norme del 41 bis, che ora prevede una detenzione più lunga di 4 anni. Inoltre, per impedire che dalle carceri i boss mafiosi possano esercitare il loro potere sul territorio, i detenuti sottoposti al 41-bis saranno destinati all’interno di istituti a loro esclusivamente dedicati, preferibilmente in aree insulari, o comunque all’interno di sezioni speciali e logisticamente separate dal resto dell’istituto e custoditi da reparti specializzati della polizia penitenziaria. Stretta anche sui colloqui con parenti e avvocati e sull’ora d’aria: la permanenza all’aperto sarà ancora consentita, ma con maggiori restrizioni: non potrà superare le due ore e non potrà aver luogo tra più di quattro persone. Saranno introdotti alcuni accorgimenti per evitare che si comunichi tra detenuti, si scambino oggetti e si cuociano cibi. Si punisce con la reclusione da uno a quattro anni chiunque consenta ad un accusato di mafia, sottoposto a regime del carcere duro, di comunicare con altri.

Rimarranno intatti i poteri del Procuratore antimafia, che in un primo momento si era pensato di modificare. Nel provvedimento, poi, è stata reintrodotta la norma che esclude da appalti pubblici gli imprenditori, se non denunciano le estorsioni nei loro confronti. Il testo approvato dalla Camera era stato modificato rispetto a quello varato dall’assemblea di palazzo Madama: ora è prevista la possibilità dell’esclusione di punibilità per l’imprenditore che non ha denunciato per ‘stato di necessità”.

Il provvedimento contiene anche le norme ‘anti-writers’: carcere fino a tre mesi e multa da mille a tremila euro per chi danneggia cose di interesse storico o artistico. Se il fatto è commesso su beni immobili o mezzi di trasporto pubblici la pena è la reclusione fino a sei mesi o la multa fino a mille euro. Punito con la sanzione amministrativa di mille euro anche chi vende bombolette spray contenenti vernici non biodegradabili ai minori di diciotto anni. Previste inoltre norme a favore del decoro urbano: sanzioni amministrative non inferiori a 500 euro per chi sporca le strade e multe da 500 a mille euro per chi getta rifiuti dal finestrino delle auto in sosta o in movimento.

In arrivo anche misure anti-accattonaggio: carcere fino a tre anni per chi si avvale per mendicare di un minore di quattordici anni.

Introduzione del reato di immigrazione clandestina; prolungamento fino a 180 giorni della permanenza nei Cie, i Centri di identificazione ed espulsione, degli extracomunitari che entrano in Italia senza permesso di soggiorno; istituzione delle ronde, che dovranno essere formate da ex agenti; inasprimento del 41 bis per i reati di mafia; obbligo di denuncia del ‘pizzo’ per i costruttori. Sono queste alcune delle norme più significative del ddl sicurezza del governo.





Penati, pres. provincia di Milano (PD): “Sì alle ronde, metto subito a disposizione i fondi”

20 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Annuncia il presidente della Provincia di Milano, Penati (PD)

La Provincia di Milano metterà fondi per 250mila euro a disposizione dei sindaci per finanziare progetti per la sicurezza: “Siamo pronti a utilizzare le possibilità offerte del decreto legge sulla sicurezza“, ha detto il presidente della provincia di Milano Filippo Penati dopo l’approvazione da parte del consiglio dei ministri del decreto legge sulla sicurezza che contiene le norme anti-stupro.

“Già la settimana prossima – aggiunge Penati – la giunta provinciale approverà lo stanziamento di questa cifra per l’apertura di un bando rivolto ai Comuni che vorranno utilizzare associazioni di polizia e carabinieri in congedo, così come previsto dal decreto, per progetti di sicurezza sul territorio come il presidio dei parchi e delle zone a rischio”.

“L’utilizzo del personale in congedo di polizia e carabinieri – continua Penati – preziose risorse disponibili, garantisce che le attività di presidio sul territorio siano svolte in modo equilibrato, consapevole e professionale”. I fondi potranno coprire fino al 30% del costo dei progetti.

Finalmente qualcuno della sinistra intelligente. Immagino già i mal di pancia da parte della sinistra più buonista e lassista, quella che mette sul piedistallo i diritti dei criminali e se ne frega delle paure e dei danni subiti dalle vittime.

Per l’ennesima volta si è fatto un polverone incredibilmente stupido su una buona norma, soprattutto nell’ultima forma, che c’è in tantissimi paesi del mondo, a partire dal civilissimo Giappone.

Inoltre vorrei ricordare che in molte città d’Italia agiscono i City Angels che fanno controlli anti-crimine e solidarietà per le città e sono lodatissimi dalla gente e dalle amministrazioni

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Si al decreto anti-stupri. Ottimo intervento!

20 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Il CDM ha approvato il decreto anti-stupri.

Nel particolare prevede

Ergastolo in caso di omicidio commesso in occasione dei delitti di violenza sessuale e ”possibilita’ per i sindaci di avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati”, tra cui ex rappresentanti delle Forze dell’ordine o Polizia municipale. Sono, questi, alcuni dei punti del decreto anti-stupri approvato in 12 articoli dal consiglio dei ministri. Il provvedimento introduce inoltre il gratuito patrocinio esteso a tutte le vittime dei reati di violenza sessuale; l’allungamento dei tempi di trattenimento fino a sei mesi degli stranieri irregolari nei centri di indentificazione ed espulsione; modifiche al Codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario. Quanto al Cpp, si estende l’obbligatorieta’ della custodia cautelare in carcere per i delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile. Si prevede inoltre l’arresto obbligatorio in flagranza per violenza sessuale con possibilita’ di procedere con rito direttissimo e processo entro le 48 ore. Intervenendo sull’ordinamento penitenziario invece, limita l’applicazione dei benfici penitenziari previsti dalla legge Gozzini ai condannati per i delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni, violenza sessuale di gruppo. Il decreto si occupa anche del Controllo del territorio. L’art.6 prevede infatti, ”ai fini dell’attuazione di un piano straordinario di controllo del territorio”, tra l’altro, l’immediata assegnazione al ministero dell’Interno di risorse fino a 100 milioni di euro; l’assunzione di circa 2500 unita’ di personale delle Forze di Polizia; l’uso da parte dei Comuni di sistemi di video-sorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Quanto alle cosiddette ‘ronde’, ”le associazioni di cittadini sono iscritte in apposito elenco a cura del Prefetto”. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto approvato oggi, il ministro dell’Interno emanera’ poi un altro decreto per determinare ”gli ambiti operativi” e ”i requisiti per l’iscrizione all’elenco”. Dall’articolo 7 al 12, il testo introduce infine il ”nuovo delitto di ‘atti persecutori’, il cosiddetto ‘stalking”’ e lo punisce con la ”reclusione da sei mesi a quattro anni. La pena puo’ aumentare se il fatto e’ commesso dall’ex partner o nei confronti di soggetti particolarmente vulnerabili’‘. La norma, oltre a obbligare a una maggiore informazione sui centri antiviolenza, istituisce infine un numero verde a favore delle vittime.

Sempre in merito ai benefici e aggravanti

No ai benefici della Gozzini per i condannati. Il provvedimento prevede la custodia cautelare in carcere obbligatoria per chi è accusato di stupro, no ai benefici della Gozzini per i condannati (niente permessi premio, né assegnazione al lavoro esterno o misure alternative alla detenzione), aggravanti contro gli autori di violenza sessuale di gruppo, nei confronti di minori (il limite d’età della vittima prima del quale scatta l’aggravante viene portato da 14 a 16 anni) e se a stuprare è un parente o un insegnante. Previsto anche l’ergastolo per coloro che si rendono responsabili di omicidio dopo la violenza sessuale e il gratuito patrocinio per le vittime. Previsto un Piano straordinario di controllo del territorio, con risorse fino a 100 milioni di euro per allestire un sistema più efficace di presidio e per l’ampliamento degli organici delle forze dell’ordine, finanziato dalle risorse oggetto di confisca versate nel bilancio dello Stato. Saranno circa 2.500 le assunzioni.

Berlusconi ha inoltre spiegato

Il premier a tal proposito ha voluto sottolineare che il governo ha fatto ricorso alla decretazione d’urgenza con le misure per la prevenzione e il contrasto delle violenze sessuali «in seguito al grande clamore suscitato da recenti episodi» di cronaca. Tuttavia, «rispetto agli anni 2006 e 2007, nel 2008 c’è stato un calo intorno al 10% degli episodi di violenza, anche nella città di Roma, perchè c’è stato un pattugliamento più diffuso delle zone pericolose anche con l’utilizzo dei militari», ha detto il Cavaliere.

Vogliamo proprio vedere se la sinistra riuscirà a votare no anche a questo intervento. Nel caso lo facesse crollerebbe al 10%

In ogni caso intervento tempestivo, popolare e fortemente corretto del governo. Non come il governo Prodi che dopo il caso Reggiani non riuscì per mesi a fare un decreto sicurezza (uno in particolare fu dichiarato decaduto per errori al suo interno)

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio,








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.