Lo stupratore seriale di Roma è un militante del Pd

10 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Oggi è stato finalmente preso lo stupratore seriale di Roma.

Arrivano novità sulla vita di questo mostro

Luca Bianchini, fermato con l’accusa di essere lo stupratore seriale di Roma, secondo quanto si e’ appreso e’ coordinatore del circolo del Torrino del Partito democratico.

I compagni sono sconvolti

Bianchini è il coordinatore del circolo Torrino del Partito democratico. Al circolo ora molti militanti e tesserati sono sconvolti. “E’ un bravo ragazzo, non possiamo crederci, un grandissimo lavoratore, sempre in prima linea, sempre disponibile”, dice un ragazzo incredulo.

e ancora

Si era avvicinato al Pd nel 2006 mentre prima era della Margherita. Al circolo militanti e tesserati sono sconvolti. «È un bravo ragazzo, non possiamo crederci, un grandissimo lavoratore, sempre in prima linea, sempre disponibile», dice un ragazzo incredulo. Altri ricordano «la grande passione politica di Luca, sempre affidabile: disponibile se c’era da fare una petizione, se bisognava organizzare comizi e assemblee, lavorava anche per il comitato del quartiere Torrino». Insomma «uno che viveva di politica, uno come noi, tranquillo, preciso. Se volevi una cosa fatta bene allora ti dovevi rivolgere a Luca».

Altre info su questa vergogna umana (ovviamente se si dimostrerà che è lui lo stupratore). Massima solidarietà alle vittime per il loro dramma e per la loro sofferenza, che si porteranno addosso per sempre.

Trentadue anni, fidanzato, laureando in Legge, contabile in una ditta della capitale. Sarebbe lui lo stupratore seriale che ha colpito almeno tre volte alla periferia di Roma. Luca Bianchini è stato fermato stamane nell’ufficio in cui lavora. Il suo Dna è compatibile con quello rilevato dalle tracce organiche che avevano macchiato gli abiti delle ultime tre vittime. Ma potrebbe essere l’autore di altre quindici violenze: alcuni particolari riferiti da vittime aggredite in questi ultimi 4 anni, portano proprio a lui. A casa, nella zona di Cinecittà, gli agenti gli hanno sequestrato un coltello con del nastro adesivo del tutto simile a quello con il quale il violentatore minacciava le vittime. E insieme all’arma, tantissimo materiale pornografico. Il capo della squadra mobile Vittorio Rizzi ha detto di aver trovato “alcune videocassette dai titoli espliciti: “Ti stuprerò”, “Stupri dal vero”, che raccontano storie di violenza sessuale su donne. “Era sua abitudine – ha spiegato Rizzi – scaricare da internet tutto quello che riguardava la storia dei seriali”. Nella storia penale di Luca Bianchini c’è un precedente: quando aveva 19 anni fu accusato di tentato stupro, ma lui continua a negare tutto: “Non sono io l’uomo che cercate. Avete preso un abbaglio”.

Ma come li scelgono i coordinatori nel Pd? Brividi di schifo….





E’ subito un successo la legge sullo stalking

16 03 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Da quando, una ventina di giorni fa, è entrato in vigore il decreto legge che ha messo insieme i reati di molestie (creando lo stalking) in tutta Italia ci sono stati arresti….

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI





Si al decreto anti-stupri. Ottimo intervento!

20 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Il CDM ha approvato il decreto anti-stupri.

Nel particolare prevede

Ergastolo in caso di omicidio commesso in occasione dei delitti di violenza sessuale e ”possibilita’ per i sindaci di avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini non armati”, tra cui ex rappresentanti delle Forze dell’ordine o Polizia municipale. Sono, questi, alcuni dei punti del decreto anti-stupri approvato in 12 articoli dal consiglio dei ministri. Il provvedimento introduce inoltre il gratuito patrocinio esteso a tutte le vittime dei reati di violenza sessuale; l’allungamento dei tempi di trattenimento fino a sei mesi degli stranieri irregolari nei centri di indentificazione ed espulsione; modifiche al Codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario. Quanto al Cpp, si estende l’obbligatorieta’ della custodia cautelare in carcere per i delitti di prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile. Si prevede inoltre l’arresto obbligatorio in flagranza per violenza sessuale con possibilita’ di procedere con rito direttissimo e processo entro le 48 ore. Intervenendo sull’ordinamento penitenziario invece, limita l’applicazione dei benfici penitenziari previsti dalla legge Gozzini ai condannati per i delitti di violenza sessuale, atti sessuali con minorenni, violenza sessuale di gruppo. Il decreto si occupa anche del Controllo del territorio. L’art.6 prevede infatti, ”ai fini dell’attuazione di un piano straordinario di controllo del territorio”, tra l’altro, l’immediata assegnazione al ministero dell’Interno di risorse fino a 100 milioni di euro; l’assunzione di circa 2500 unita’ di personale delle Forze di Polizia; l’uso da parte dei Comuni di sistemi di video-sorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Quanto alle cosiddette ‘ronde’, ”le associazioni di cittadini sono iscritte in apposito elenco a cura del Prefetto”. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto approvato oggi, il ministro dell’Interno emanera’ poi un altro decreto per determinare ”gli ambiti operativi” e ”i requisiti per l’iscrizione all’elenco”. Dall’articolo 7 al 12, il testo introduce infine il ”nuovo delitto di ‘atti persecutori’, il cosiddetto ‘stalking”’ e lo punisce con la ”reclusione da sei mesi a quattro anni. La pena puo’ aumentare se il fatto e’ commesso dall’ex partner o nei confronti di soggetti particolarmente vulnerabili’‘. La norma, oltre a obbligare a una maggiore informazione sui centri antiviolenza, istituisce infine un numero verde a favore delle vittime.

Sempre in merito ai benefici e aggravanti

No ai benefici della Gozzini per i condannati. Il provvedimento prevede la custodia cautelare in carcere obbligatoria per chi è accusato di stupro, no ai benefici della Gozzini per i condannati (niente permessi premio, né assegnazione al lavoro esterno o misure alternative alla detenzione), aggravanti contro gli autori di violenza sessuale di gruppo, nei confronti di minori (il limite d’età della vittima prima del quale scatta l’aggravante viene portato da 14 a 16 anni) e se a stuprare è un parente o un insegnante. Previsto anche l’ergastolo per coloro che si rendono responsabili di omicidio dopo la violenza sessuale e il gratuito patrocinio per le vittime. Previsto un Piano straordinario di controllo del territorio, con risorse fino a 100 milioni di euro per allestire un sistema più efficace di presidio e per l’ampliamento degli organici delle forze dell’ordine, finanziato dalle risorse oggetto di confisca versate nel bilancio dello Stato. Saranno circa 2.500 le assunzioni.

Berlusconi ha inoltre spiegato

Il premier a tal proposito ha voluto sottolineare che il governo ha fatto ricorso alla decretazione d’urgenza con le misure per la prevenzione e il contrasto delle violenze sessuali «in seguito al grande clamore suscitato da recenti episodi» di cronaca. Tuttavia, «rispetto agli anni 2006 e 2007, nel 2008 c’è stato un calo intorno al 10% degli episodi di violenza, anche nella città di Roma, perchè c’è stato un pattugliamento più diffuso delle zone pericolose anche con l’utilizzo dei militari», ha detto il Cavaliere.

Vogliamo proprio vedere se la sinistra riuscirà a votare no anche a questo intervento. Nel caso lo facesse crollerebbe al 10%

In ogni caso intervento tempestivo, popolare e fortemente corretto del governo. Non come il governo Prodi che dopo il caso Reggiani non riuscì per mesi a fare un decreto sicurezza (uno in particolare fu dichiarato decaduto per errori al suo interno)

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio,








Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.