La paura fa novanta: Franceschini e le europee

12 03 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Il povero Franceschini ci prova ogni giorno e ormai ha tranquillamente tolto a Di Pietro lo scettro di re delle sciocchezze quotidiane, insomma è un campione della demagogia.
Ma oggi in mezzo ad assurdità assortite se ne è uscito con una dichiarazione che direi rivelatrice è poco.

Berlusconi non vuole vincere, ma stravincere. E se stravince alle europee, quello che potrà fare dal giorno dopo è inimmaginabile

Questa nota sembra chiaramente complementare a un bel “mettiamo le mani avanti”. Insomma conscio della pochezza del Pd e dell’assoluta mancanza di contenuti delle sue proposte che non servono a un bel nulla cerca di cautelarsi anticipatamente, riproponendo il solito refrain della sinistra: l’antiberlusconismo. D’altronde senza di esso come può andare avanti la sinistra? E’ l’unico collante per certi suoi elettori, ormai tarati come automi sul mantra dell’ossessione berlusconiana.

E quindi come reagire al tracollo piddino: mettendo insieme un cocktail terribile di sparate demagogiche e attacchi degni del peggior Di Pietro.

Che l’intento sia questo è chiaro a tutti i commentatori politici.

Il Sole 24 Ore dice:

Chiara la strategia di del leader del Pd Dario Franceschini: da una parte le tutele sociali in tempo di crisi economica, dall’altra l’ormai antico richiamo al pericolo per la democrazia rappresentato da un Berlusconi decisionista e senza contrappesi.

E Berlusconi se la gode, potendo ritirare a ragione la sua definizione preferita da dare agli avversari

Franceschini è leader un cattocomunista

Mai etichetta fu cosi azzeccata

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio

Annunci




Incompetenza sinistra: la figuraccia della Maraini

12 03 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Scrive la Maraini nel suo barbosissimo monologo contro il nucleare

La Germania produce più del 30% della sua energia attraverso il solare.

Oggi in interventi e repliche sempre sul Corriere della Sera Chicco Testa la smonta facendole notare

Dacia Maraini sul Corriere del 10 marzo scrive che la Germania produce il 30% della sua energia con il sole. Magari! In realtà la produzione solare della Germania è pari allo 0.6% dell’energia elettrica e allo 0.1% della sua energia complessiva. Il dato reale quindi è circa 60 volte inferiore a quello sostenuto dalla Maraini. Una bella differenza, mi pare. Sufficiente, credo, per invalidare tutto il ragionamento

La Maraini risponde stizzita, non accettando di aver dimostrato totale incompetenza

Quello che leggo su riviste specializzate è che la Germania ha programmato di arrivare a produrre il 30% di energie pulite entro il 2020.

Peccato che lei avesse detto che già ora la Germania produceva il 30% della sua energia con il solare (quindi solo una delle possibili energie pulite).

La spocchia di certe radical chic da salotto non ha limite.

Tu chiamala se vuoi: incompetenza sinistra

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio