Via libera al piano casa. 100000 alloggi in 5 anni

21 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Dopo un iter piuttosto sofferto finalmente il piano casa vede la firma definitiva

Con la firma del decreto da parte del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si conclude l’iter procedurale per il concreto avvio del piano casa, che si prefigge l’obiettivo di realizzare centomila alloggi in 5 anni. La firma al decreto presidenziale fa seguito al parere favorevole sul Piano espresso dalla Conferenza unificata Stato-Regioni e dal Cipe.

Cosa prevede?

Il Piano casa prevede interventi diversificati a seconda delle categorie interessate, disponibilità di finanziamenti pubblici e privati da utilizzare con procedure snelle, incentivi e agevolazioni fiscali. Gli alloggi saranno destinati sia in proprietà quali prima casa, sia in locazione a canone sostenibile e a canone sociale. Beneficiari del Piano Casa sono nuclei familiari a basso reddito, giovani coppie, anziani in condizioni sociali svantaggiate, studenti fuori sede, sfrattati, immigrati regolari a basso reddito, residenti da almeno 10 anni in Italia o da 5 nella stessa Regione. “Il governo – dichiara il ministro dei trasporti, Altero Matteoli – ha mantenuto un altro impegno del programma elettorale. Parte così la realizzazione di un ambizioso Piano di alloggi che avrà positive ripercussioni sociali e che amplierà l’offerta di lavoro nel settore delle imprese edilizie su tutto il territorio del Paese. Inizialmente si prevede un intervento di 200 milioni di euro che diventeranno 550 milioni con prossimi stanziamenti”.

Previste notevoli ripercussioni per l’economia

Il Piano – sottolinea Matteoli – consiste in un insieme di interventi di edilizia residenziale pubblica, project financing, agevolazioni alle cooperative edilizie e un sistema integrato di fondi immobiliari, cui è devoluto uno stanziamento di 150 milioni di euro, che a regime si stima attrarrà investimenti per 3 miliardi di euro. Il tutto da attivare con la collaborazione anche finanziaria di Regioni ed Enti locali. Tra l’altro – conclude – è prevista la valorizzazione di aree demaniali con la loro riqualificazione urbana

Ricordiamo che in parallelo con quest’approvazione le Regioni stanno approntando i propri piani visto che la competenza sull’edilizia è di competenza regionale

Per ora ci sono già le leggi di Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Umbria e Provincia di Bolzano e sono vicine all’approvazione anche Sardegna, Lazio e Campania

Annunci

Azioni

Information

7 responses

21 07 2009
fausto

Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Umbria e Provincia di Bolzano e sono vicine all’approvazione anche Sardegna, Lazio e Campania

la Sicilia?
si prendono solo voti lì?

21 07 2009
fazioso

In sicilia sono in ritardo. Sono ancora al disegno di legge di iniziativa del parlamentino siciliano.
D’altronde da subito Lombardo non era sembrato molto favorevole, comunque potrebbe essere sbloccato dopo l’estate

21 07 2009
pietro

Mi sembra molto ottimistico, dato che comunque i soldi che non tira fuori il governo li devono tirare fuori gli acquirenti delle case, se si divide lo stanzamento totale previsto di 550 milioni per il numero di case previsto 100mila, si ottiene un poco decisivo contributo pubblico procapite di 5500 euro, dato che non credo ai miracolosi effetti della spesa pubblica, anzi penso sia meno efficente degli investimenti dei privati cittadini, e vedo che in questo momento gli investimenti privati nell’edilizia sono fermi e c’è un crollo del mercato immobiliare ho paura che siano soldi sprecati.

21 07 2009
claudio

In italia ci sono più proprietari che inquilini, cosa può succedere con questa certezza assoluta? Con la collaborazione delle regioni… ecco dove sta la fregatura, le regioni più povere non svilupperanno niente.

23 07 2009
victory

Egregio Presidente , spero vivamente che possa mantenere la promessa per la costruzione dei centomila alloggi popolari. Attenzione però , questa volta cerchi di evitare che i nuovi quartieri divengano ghetti dormitorio ricettacoli di tutto ciò che non è legale . ( siamo stanchi di constatare che in questi quartieri piu passa il tempo piu cresce il degrado ) ,mentre nei vicini rioni privati cresce continuamente il benessere e la sicurezza adoperando troppo spesso, capitali della comunità . A mio modesto avviso bisogna evitare di ammassare e concentrare personaggi poco attendibili , se non si può fare di meglio almeno decentrarli il più possibile . Evitare di concedere alloggi in affitto, meglio iniziare una procedura di riscatto anche se a lunghissimo termine .Ci si guadagna due volte, una poichè non si provvede alla manutenzione, due perchè i nuovi proprietari sicuramente proteggeranno( e non distruggeranno) ciò che è o sarà loro. (Più continui, severi e capillari controlli) Roma ha bisogno di fermezza.

24 07 2009
claudio

Victory… lei si affida al padre eterno come se fosse lì ad ascoltare le sue parole, come fosse la via più breve per chiedere un po’ di giustizia.
Lei dice: “cerchi di evitare che i nuovi quartieri divengano ghetti dormitorio ricettacoli di tutto ciò che non è legale” ma per queste cose c’è la giustizia, cosa ci prende l’egregio?

“mentre nei vicini rioni privati cresce continuamente il benessere e la sicurezza”
Il benessere e la sicurezza ma allora perché vogliono tutti le ronde?

“A mio modesto avviso bisogna evitare di ammassare e concentrare personaggi poco attendibili , se non si può fare di meglio almeno decentrarli il più possibile “.

Chi può definire un personaggio poco attendibile fino a quando non fa qualcosa per rendersi tale? lei propone che uno se pur comportandosi bene ma se proveniente dalla Romania per esempio e visto che non godono di ottiam pubblicità questi rumeni, questo deve prendere posto fuori da tutti?

25 07 2009
victory

Claudio , non credo che chi si rivolge al presidente del consiglio pensi di parlare con il Padre Eterno, bensì con colui che attualmente ha la facoltà di poter fare intervenire le persone giuste , atte a risolvere alcuni problemi che affliggono noi comuni mortali.Le ronde sono di sicuro un aiuto alle forze di pubblica sicurezza , per il controllo del territorio , particolarmente per i crimini di piccola entità (che sono moltissimi) distogliendo così la Polizia che potrà così meglio agire per reati più consistenti. Personaggio poco attendibile per me è colui che già ha provato a delinquere , oggi non è poi così difficile individuarlo.Gli stranieri provenienti da qualunque paese sono per me i benvenuti purchè entrati in Italia regolarmente , che rispettano più degli italiani le nostre leggi . Un buon padre di famiglia fermo restando che l’amore per tutti i figli è uguale , se può fare un regalo , privilegerà prima il figlio più meritevole poi gli altri ed infine se rimangono delle disponibilità anche un amico della famiglia. Comunque penso che lei abbia avuto la fortuna di non avere avuto a che fare con un quartiere così detto (popolare).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: