Quando Prodi fu dimenticato nella foto di gruppo del G8

10 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

15-17 luglio 2006, G8 ospitato per la prima volta dalla Russia, a San Pietroburgo. Nella foto di rito dei grandi manca qualcuno ma nessuno se ne accorge nè se ne interessa. Chi mancava? Ma il mitico Mortadella Prodi. Quelli sì che erano i tempi in cui l’Italia veniva considerata nello scacchiere mondiale e il leader del centrosinistra era uno dei protagonisti più importanti. Essenziale per la parte di fantasma del G8.

Scomparire con tale nonchalance merita sicuramente più applausi dei complimenti dei vari leader a Berlusconi per il G8 a L’Aquila

Annunci




Dario l’Autista

18 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Segnalo un mio piccolo trafiletto pubblicato sul sito di approfondimento quotidiano Il Predellino nella rubrica StupiDario

Già definito dal compagno di partito Renzi il videdisastro, Franceschini è maestro nel perdere elezioni in continuazione. Le ultime europee e amministrative non sono da meno. Ma è anche una celebrità in dichiarazioni mirabolanti in campagna elettorale. Il 3 aprile 2008, in piena campagna elettorale per le politiche poi stravinte dal centrodestra, alla domanda sulla rincorsa del Pd Dario risponde così: “Abbiamo da tempo messo la freccia del sorpasso sul Pdl. Il sorpasso è ormai molto vicino. Molti segnali ce lo indicano. Basta girare per il paese per vedere che l’aria è cambiata. Le piazze in cui va Veltroni si stanno riempiendo sempre di più. Per la prima volta vengono da noi persone che non avevano mai votato per il centrosinistra e che ci dicono di voler votare per il Pd. A me non era mai capitato in campagna elettorale di incontrare gente che votava Forza Italia o An e che adesso dice di voler votare noi. Nel nord c’è più spazio per la rimonta e mi pare che i segnali vadano tutti in quella direzione“. Risultato? Nove punti di distacco tra le coalizioni, peggiore sconfitta dal dopoguerra per la sinistra italiana, Dario e Walter asfaltati.





Il meraviglioso ultimo video elettorale di Franceschini

5 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

L’ultimo video elettorale di Franceschini

Qui altri video ironici su questo convincente comizio virtuale di super Dario





Il ritorno di nonno Prodi (e della sua imitazione)

4 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Prodi: “No all’astensione, votate il Pd”

Dice bene Barenghi sulla Stampa

L’appello di Prodi a votare Pd ha suscitato tra i leader del partito un sincero benché silenzioso entusiasmo.

In effetti, quando parla Prodi nel Pd si toccano…

Ma divertiamoci un po’ con l’imitazione del grandissimo nonno Prodi





Festino a casa Prodi!!!!!

2 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

L’ex premier Romano Prodi ha festeggiato i 40 anni di matrimonio con una festa nella sua villa in Emilia, ma c’e’ chi dice in un grande appartamento di Bologna.
Alla festa hanno partecipato una cinquantina di persone, alle quali sono stati serviti piatti tipici della cucina reggiana. : lasagne, erbazzone e arrosto.
Assieme alla moglie. Flavia Franzoni, Prodi ha cantato: “La coppia piu’ bella del mondo” di Celentano.
Tra gli ospiti, svariate ragazze, di due soltanto delle quali si e’ saputo il nome, una certa Sandra e un’altra che chiamavano tutti l’Albertina.
Hanno partecipato alla baldoria il cerebrale Arturo Parisi e Tommaso Padoa-Schioppa, noto sciupafemmine attempato.
“E’ stato molto bello – si e’ lasciato sfuggire l’ex premier, esausto, alla fine della festa – c’erano tanti bambini.”
Manco minorenni, bambini!

da Andrea’s Version





Persino i treni sono contro Franceschini. Guasto tecnico sul treno su cui viaggiava il segretario vicedisastro

1 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Un guasto tecnico sul treno su cui viaggiava il segretario del Pd Dario Franceschini ha ritardato gli appuntamenti dell’esponente del centrosinistra in Abruzzo. Stamane poco dopo le 9.30 era a Pescara in piazza dell’Unità, poi successivamente si è spostato all’Aquila e a Giulianova con un treno ma nei pressi di Spineto, per un guasto tecnico o per un problema dovuto al maltempo che sta mettendo a dura prova la regione, il convoglio su cui viaggiava Franceschini è rimasto fermo per oltre venti minuti nell’attesa dell’arrivo delle squadre di pronto intervento delle Ferrovie dello Stato. Intorno alle 13.15 il segretario è giunto in piazza Martiri della Libertà dove sta parlando alla cittadinanza teramana. “Ho scoperto attraversando la costa adriatica che l’unico mezzo per arrivare velocemente a Teramo o per attraversare la regione è quello di usare il treno, altrimenti con la macchina sarebbe stato impossibile raggiungere le due città e il comune di Giulianova in poco tempo”, ha spiegato Franceschini parlando alle oltre 200 persone che lo ascoltano in un gazebo della piazza.

Povero ferroviere Franceschini, evidentemente persino i treni non lo possono sopportare.

ps: caspita 200 persone che lo ascoltano in piazza, che record!





Prodi preso in giro anche durante l’incontro Italia-Francia

25 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ieri come tutti saprete c’è stato un proficuo incontro bilaterale Francia-Italia nel quale si è arrivati a un importantissimo trattato sul nucleare e dove gli imprenditori delle due nazioni hanno discusso di affari e potenziali scenari futuri tra i due paesi.

Il Corriere della Sera riporta la cronaca dell’evento segnalando la forte armonia tra i due leader Berlusconi e Sarkozy

La sintonia fra i due non è mai stata così alta. Di una collaborazione politica strategica ieri mattina a villa Madama si sono visti i primi frutti concreti: sull`energia, sull`embrione di una forza militare congiunta, sulla condivisione del ruolo che la Russia deve avere rispetto all`Occidente. Frutti che vengono sigillati da complimenti reciproci quasi esagerati. In privato l`idillio è maggiore: i complimenti sono «per aver sfidato il politicamente corretto, la stampa, i luoghi comuni, per aver dimostrato a tutti, in Europa, come si può fare a vincere per 15 anni di seguito…». A Parigi l`hanno definito «sarkoberlusconismo». E` il riconoscimento reciproco di un lavoro di squadra che ha proiezioni politiche sul futuro.

Ma segnala anche un curioso retroscena che ha come protagonista Prodi, preso in giro dal banchiere francese e  presidente di Generali, Bernheim

Scherza anche il presidente di Generali, Antoine Bernheim, che guida la delegazione di imprenditori francesi e racconta un aneddoto:

«L`ultimo incontro di questo tipo, fra imprenditori e governi, è stato il giorno più bello della vita di Prodi».

Silenzio. Spiegazione: «A Nizza Sarkozy volle fare un passeggiata, il presidente francese ricevette tanti applausi dalla folla, Prodi credette che erano per lui».

Povero Romano, preso in giro da tutti. Già lo vedo gongolare per applausi non diretti alla sua persona. D’altronde durante i suoi governi per lui arrivavano solo fischi e giuste contestazioni. Gli applausi erano un miraggio in ogni occasione