La SuperUnione

16 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Bersani ipotizza un dialogo con le formazioni di sinistra ma anche con l’Udc (in perfetto stile veltroniano). L’immaginate quanto sarà produttiva una possibile SuperUnione se dovesse mai vincere le elezioni? Casini e Vendola abbracciati in buvette a parlare di temi etici e pacs, Di Pietro e Cuffaro a dialogare divertiti dei temi della giustizia, Pecoraro e Fassino a ridere felici su quali infrastrutture bloccare e quali rimandare, Tabacci e Bertinotti giocherellare su argomenti economici, Marino e Binetti mano nella mano sul testamento biologico. E’ veramente un sogno, quanto ci manca l’Unione. La SuperUnione ci regalerebbe momenti paradisiaci di totale condivisione del programma (ovviamente sulle 500 pagine) e manifestazioni di lotta e di governo concordate e partecipate da tutti. Tirate fuori dall’ospizio nonno Prodi e il futuro del centrosinistra tornerà clamorosamente al centro della politica. Per la gioia degli italiani

Annunci




I tafazziani piddini: sempre e solo litigi, scontri, attacchi….

9 07 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Un po’ di titoli sugli avvenimenti del Pd in questi giorni (ma si potrebbe dire mesi o anni e non cambierebbe nulla)

«Gattopardi». «Notabili» Nel Pd volano pietre

PD: FASSINO, D’ALEMA STATISTA HA PAURA DELLA SERRACCHIANI?

D’Alema si arma per riprendersi il partito

Pd, Fassino e D’Alema litigano su Franceschini

E fra Fassino e D’Alema volano stracci

L’attacco di D’Alema a Franceschini scuote il Pd. Fassino: ‘Errore’

CONGRESSO PD: SI SURRISCALDA IL MATCH FRANCESCHINI-BERSANI

PD: VELTRONI, IN ME TANTE AMAREZZE IN SCRIGNO CHE NON VERRA’ MAI APERTO

Il Pd verso il congresso: solo litigi e nessuna idea

Pd, scontro Franceschini-Bersani. Frattura sul rinnovamento

D’Alema accende la guerra nel Pd

Pd, Rutelli spara su Franceschini e Bersani

Insomma non si smentiscono mai, sono costantemente alla ricerca dello scontro interno in un crescendo di accuse insulse tra leader, attacchi incrociati tra plurisconfitti e pluriperdenti. E questi vorrebbero essere un’alternativa credibile?





E il Pd si presenta alle europee senza aver ancora deciso in quale gruppo parlamentare andrà

1 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ieri Berlusconi ha dichiarato

La sinistra è confusa, sa di non contare nulla in Europa e non ha neanche una collocazione certa nel Parlamento Europeo

e in effetti è abbastanza paradossale, a pochi giorni dal voto, non sapere nemmeno dove si siederanno gli europarlamentari piddini

Franceschini cerca di spiegare la situazione

Le trattative per dar vita a un gruppo parlamentare a Strasburgo che raccolga tutte le culture progressiste e democratiche è a buon punto ma un’intesa non è ancora stata raggiunta. Stiamo ancora discutendo è un problema che riguarda diversi partiti di 27 Paesi. Sono ottimista, ma ancora non c’è un accordo”.

ma non convince, moltissimi diessini vogliono andare nel Pse, i margheritari vogliono stare nell’Alde e alcuni cattolici addirittura nel Ppe. E’ molto improbabile che ci sarà solo un gruppo per il Pd.

Caldarola sul Riformista ha fatto notare questa incredibile mancanza di chiarezza

Che collocazione il Pd avrà nel Parlamento europeo? Come è noto gli ex democristiani presenti nella nuova creatura hanno posto il veto a un ingresso nel Partito Socialista Europeo. Per questo motivo Piero Fassino ha lavorato a lungo per tentare di creare un nuovo gruppo parlamentare meno connotato a Strasburgo, un gruppo in cui raccogliere tutte le culture progressiste e democratiche. Un accordo però, come confermato da Franceschini stesso, ancora non è stato trovato. “Stiamo ancora discutendo – dice il segretario – è un problema che riguarda diversi partiti di 27 Paesi. Sono ottimista, ma ancora non c’è un accordo”. Fatto sta che a cinque giorni dal voto gli elettori ancora non sanno se il loro voto andrà a un partito legato ai socialisti europei oppure no.

Insomma il Pd non solo non è unito in Italia ma in Europa è completamente estraneo ai gruppi parlamentari ormai consolidati da anni, non ha quasi senso votare un partito che si dividerà in mille rivoli all’europarlamento.





E Fassino si arrabbiò: “Mi hai rotto i coglioni!”

8 01 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Come detto ieri il PD ogni giorno ci regala incredibili botte di comicità. Oggi è Fassino a essere protagonista della gaffe di giornata

Prima lo avvicina mentre lo sta intervistando Radio Radicale, poi torna alla carica, in pieno Transatlantico, all’uscita dell’aula dopo il voto sul dl Gelmini. Una doppia «scenata» davanti a deputati e giornalisti che ha visto protagonista Piero Fassino infuriato con Pierluigi Mantini.

Il motivo dell’irritazione dell’ex-segretario Ds è un’intervista a in cui Mantini, tra le altre cose, mette sotto accusa la gestione dei conti del Pd. «Nell’intervista – racconta poi Mantini ai cronisti- ho fatto notare che molti circoli del Pd sono in ex sezioni dei Ds. Sezioni che ora sono diventate proprietà delle fondazioni della Quercia. Per questo ci sono circoli del Pd che pagano l’affitto ai Ds. È un paradosso e il mio unico torto è quello di aver detto come stanno le cose».

Fassino non l’ha presa per niente bene: «Hai detto un sacco di cazzate. Non basta dichiarare per andare sui giornali. Io mi sono rotto i c….», grida a Mantini e poi ancora: »Sei un cretino. Ci vediamo in tribunale».

«Era fuori di sè – commenta Mantini – mi dispiace perché da sempre stimo Fassino e forse è ora di rivedere il mio giudizio perché non è possibile dare del “cretino” a una persona solo perché esprime il suo pensiero. Comunque, cercherò Fassino privatamente per farlo ragionare. Quanto alla minaccia di andare in tribunale, in questa fase forse è meglio lasciare stare i tribunali…»

Qui a fianco il link dell’audio degli insulti. Clicca qui

Ammirevole l’aplomb di Mantini che non si lascia intimorire dallo spilungone

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Casa Vianello o Casa PD?

25 11 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Oggi sui giornali siamo inondati dai divertentissimi sketch di casa pd alias casa vianello.

Veltroni annuncia “Chiarimento oppure congresso”

Fioroni risponde

La sfida tra D’Alema e Veltroni e a cascata tra dalemiani e veltroniani sta diventando un’ossessione. ll chiarimento politico e’ necessario.

ma attacca sul lato europeo

mi rifiuto di credere che il nuovo sia portare il Pd nell’internazionale socialista

La Bindi se la prende con Veltroni

Contesto a Veltroni soprattutto la gestione quotidiana del partito, e la contesto anche a chi, venendo dalla mia storia, lo aiuta in questa gestione

rilancia sulla crisi del PD

Cosí facendo c’è il rischio che noi riproduciamo le stesse divisioni dei vecchi Ds ed allora vuol dire che il Pd non c’è, rischiamo di fare l’ennesima evoluzione del partito storico della sinistra italiana

e attacca tutti in un’intervista

D’Alema è sleale, Veltroni un normalizzatore e Rutelli sbaglia

e se ne esce con una critica complessiva pesantissima

Il nostro problema non è che c’è questa faida: il nostro problema è che c’è soltanto questa. Il Pd non vive scontri autoctoni, legati al partito che siamo e ai problemi che abbiamo da quando siamo nati. Si litiga con la testa voltata all’indietro, D’Alema contro Veltroni, appunto, rivincite e vendette che vengono dal passato. Ma le pare, dico per dire, che noi dovremmo fare un congresso perché lo chiedono i dalemiani contro i veltroniani? Ed è vero che Veltroni non dà spazi, non coinvolge, ci fa apprendere le cose dai giornali: ma le sembra che si possa reagire facendosi la propria televisione, la propria associazione, il proprio giornale, i propri candidati alle segreterie di questo o di quell’altro? Sono dinamiche da “Cosa 4”, da evoluzione post-diessina. Ma guardi che se stiamo parlando di questo, loro devono sapere che molti se ne andranno

Fassino si è stancato

Il continuo duello tra Orazi e Curiazi serve solo a sfibrare il partito e la nostra gente…

Follini è preoccupato

Finiremo “partito di plastica”

Velardi riconosce lo stato pessimo del partito

Al di là degli opportunismi e delle tatticucce del gruppo dirigente è il partito che non ne può più. Ieri un importante dirigente periferico di una importante regione, mi ha fatto una battuta che voleva essere ironica, ed è invece drammatica: “Quei due, Walter e Massimo, finiranno col tirarsi le dentiere”…

In questo mare di polemiche e guerra continua, Bettini si riconferma l’uomo dei sogni e in un misto di pazzia e ironia afferma

Il PD non è in crisi. C’è stata una splendida campagna di feste partecipate da milioni di cittadini, la Summer School ha iniziato un lavoro sulla formazione di altissimo livello, il Governo Ombra finalmente pubblicherà le proposte riformiste che ci hanno consentito un’opposizione incisiva, in Trentino il voto è stato positivo. Tutti i sondaggi ci danno in crescita. Stiamo costruendo il partito in tutta Italia. Dove sono gli errori?

Dopo tanta ansia nel partito ci voleva il momento comico