Prodi preso in giro anche durante l’incontro Italia-Francia

25 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ieri come tutti saprete c’è stato un proficuo incontro bilaterale Francia-Italia nel quale si è arrivati a un importantissimo trattato sul nucleare e dove gli imprenditori delle due nazioni hanno discusso di affari e potenziali scenari futuri tra i due paesi.

Il Corriere della Sera riporta la cronaca dell’evento segnalando la forte armonia tra i due leader Berlusconi e Sarkozy

La sintonia fra i due non è mai stata così alta. Di una collaborazione politica strategica ieri mattina a villa Madama si sono visti i primi frutti concreti: sull`energia, sull`embrione di una forza militare congiunta, sulla condivisione del ruolo che la Russia deve avere rispetto all`Occidente. Frutti che vengono sigillati da complimenti reciproci quasi esagerati. In privato l`idillio è maggiore: i complimenti sono «per aver sfidato il politicamente corretto, la stampa, i luoghi comuni, per aver dimostrato a tutti, in Europa, come si può fare a vincere per 15 anni di seguito…». A Parigi l`hanno definito «sarkoberlusconismo». E` il riconoscimento reciproco di un lavoro di squadra che ha proiezioni politiche sul futuro.

Ma segnala anche un curioso retroscena che ha come protagonista Prodi, preso in giro dal banchiere francese e  presidente di Generali, Bernheim

Scherza anche il presidente di Generali, Antoine Bernheim, che guida la delegazione di imprenditori francesi e racconta un aneddoto:

«L`ultimo incontro di questo tipo, fra imprenditori e governi, è stato il giorno più bello della vita di Prodi».

Silenzio. Spiegazione: «A Nizza Sarkozy volle fare un passeggiata, il presidente francese ricevette tanti applausi dalla folla, Prodi credette che erano per lui».

Povero Romano, preso in giro da tutti. Già lo vedo gongolare per applausi non diretti alla sua persona. D’altronde durante i suoi governi per lui arrivavano solo fischi e giuste contestazioni. Gli applausi erano un miraggio in ogni occasione

Annunci




L’assurdità del “Il Governo sta svendendo l’energia ai francesi”

25 02 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

La sinistra in grave difficoltà in ogni campo ha reagito in modo scomposto all’annuncio del trattato di cooperazione energetica tra Francia e Italia.

Pochissime le risposte sensate, l’unica accusa è stata quella di aver svenduto l’energia ai francesi. Un’accusa strumentale e ridicolmente banale e infantile.

Infatti la proposta prevede la maggioranza dell’Enel nelle centrali italiane

Roma, 24 febbraio 2009 – Nel quadro del Protocollo di Intesa italo-francese per la cooperazione energetica, Fulvio Conti amministratore delegato e direttore generale di Enel e Pierre Gadonneix, presidente e direttore generale di Edf hanno firmato un primo Memorandum of Understanding (MoU) che pone le premesse per un programma di sviluppo congiunto dell’energia nucleare in Italia da parte delle due aziende.

Quando sarà completato l’iter legislativo e tecnico in corso per il ritorno del nucleare in Italia, Enel ed EDF si impegnano a sviluppare, costruire e far entrare in esercizio almeno 4 unità di generazione, avendo come riferimento la tecnologia EPR (European Pressurized water Reactor), il cui primo impianto è in costruzione a Flamanville in Normandia e che vede la partecipazione di Enel con una quota del 12,5%. L’obiettivo è di rendere la prima unità italiana operativa sul piano commerciale non oltre il 2020.

Con il MoU di oggi, Enel ed EDF si impegnano a costituire una joint-venture paritetica (50/50) che sarà responsabile dello sviluppo degli studi di fattibilità per la realizzazione delle unità di generazione nucleare EPR. Successivamente, completate le attività di studio e prese le necessarie decisioni di investimento, è prevista la costituzione di società ad hoc per la costruzione, proprietà e messa in esercizio di ciascuna unità di generazione nucleare EPR, caratterizzate da:

  • partecipazione di maggioranza per Enel nella proprietà degli impianti e nel ritiro di energia;
  • leadership di Enel nell’esercizio degli impianti;
  • apertura della proprietà anche a terzi, con il mantenimento per Enel e EDF della maggioranza dei veicoli societari.

L’accordo Enel-EDF entra in vigore il 24 febbraio 2009 e ha una durata di 5 anni dalla data della sua firma, con possibilità di estensione.

In un secondo MoU, Enel ha espresso la volontà di partecipare all’estensione del precedente accordo sul nucleare a suo tempo raggiunto con EdF per la realizzazione in Francia di altri 5 reattori EPR, a partire da quello che recentemente il Governo francese ha autorizzato nella località di Penly.

“Enel è onorata di avere al suo fianco nel progetto di rilancio del nucleare in Italia un partner industriale come Edf che ha in questo campo un’esperienza e una reputazione riconosciute a livello internazionale – ha commentato Conti –. Gli accordi siglati oggi contribuiscono a rafforzare i legami tra i sistemi industriali di Italia e Francia in un settore strategico come quello dell’energia e a sviluppare ulteriormente la reciprocità nei rispettivi mercati.”

Enel è oggi presente in Francia nel nucleare, con una partecipazione del 12,5% nell’impianto di terza generazione EPR a Flamanville (1.660 MW); nelle rinnovabili, tramite la controllata Erelis, con 8 MW eolici operativi a fine 2008 e una pipeline di circa 500 MW; nella commercializzazione di elettricità con oltre 1.000 GWh venduti nel 2008.

Ulteriori possibilità di sviluppo di Enel in Francia, riguardano la costruzione di un impianto a carbone pulito da 800 MW, la partecipazione in due unità a ciclo combinato alimentate a gas (CCGT) di Edf da 930 MW e la partecipazione al processo di gara per il rinnovo di concessioni per 25 centrali idroelettriche.

Come si fa a dire che questa è una svendita ai francesi? L’accordo prevede 4 centrali con maggioranza Enel in Italia e l’acquisizione di una quota del 12.5% in centrali di maggioranza Edf in Francia. Edf inoltre mette a nostra disposizione la tecnologia nucleare tra le migliori nel mondo. Inoltre con un trattato sarà importata la normativa francese sul nucleare (la migliore) permettendoci di aggirare la burocrazia italiana. In generale non sarei affatto contro un eventuale possesso dei francesi sulle nostre centrali ma questo non è affatto il caso.

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Indiscrezioni sul pacchetto Tremonti

16 06 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ecco una bella tabella de La Stampa sui probabili interventi del pacchetto Tremonti che domani arriveranno in consiglio dei ministri.

QUI l’articolo completo





Piano Tremonti, in arrivo una rivoluzione liberale

10 06 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Apprendiamo dal Corriere le prime indiscrezioni sul piano Tremonti che a fine giugno sarà presentato.
Tra le proposte inserite
-la riforma del processo civile
-la riforma della pubblica amministrazione
-ricette online dei medici di base
-possibilità di cumulo di redditi di pensione e lavoro
-liberalizzazioni (servizi pubblici, acqua, professioni, diritti di stabilmento o di transito delle società commerciali)
-moltissimi taglia-leggi
-progetto impresa in un’ora
-riordino sistema incentivi
-pacchetto per lo sviluppo energetico (nucleare)

Ecco l’articolo di ieri e quello di oggi

Questo pacchetto può diventare epocale e far ripartire una politica liberale che da tempo si era perso. Speriamo che quanto rivelato sia vero e che sia possibile vedere i piani al più presto

Segnala e vota quest’articolo su
oknotizie : Wikio : Dicevi : Invia a Kipapa : segnalo : diggita : add to del.icio.us : Digg it : Stumble It! : : post to facebook : : :





Tutti i sondaggi sono ultrapositivi per il Governo Berlusconi

2 06 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

I sondaggi sulla fiducia al governo e ai primi provvedimenti presi:

Ipsos 28/05
Favorevoli all’operato Governo sui rifiuti? SI 60% NO 30%
Favorevoli alla mano dura contro chi blocca le discariche? SI 68% NO 28%
Condivide il reato di immigrazione clandestina? SI 68% NO 30%
Favorevole al ritorno al nucleare? SI 59% NO 36%

Euromedia 28/05
Fiducia nel Pres. Consiglio 62.3%
Fiducia nel Governo 59.8%
Pacchetto Sicurezza soddisfatti 71.5%
Governo riuscirà a risolvere il caos monnezza SI 45.6% NO 23.9%
Proposte Brunetta favorevoli 61.8%
Nucleare favorevoli 46.8%

Ekma
Nucleare SI 54.4%

Altri sondaggi (tutti favorevoli) sono sul sito sondaggielettorali.it

Insomma la fiducia c’è, il governo deve continuare su questa strada e rendere reali i suoi propositi

Segnala e vota quest’articolo su
oknotizie : Wikio : Dicevi : Invia a Kipapa : segnalo : diggita : add to del.icio.us : Digg it : Stumble It! : : post to facebook : : :





Il sì al nucleare sostenuto dai più grandi scienziati

22 05 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

“Entro questa legislatura porremo la prima pietra per la costruzione nel nostro paese di un gruppo di centrali nucleari di nuova generazione”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, intervenendo all’assemblea di Confindustria.

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI