All’Unità arriva Villaggio: Fantozzi si dà al giornalismo politico

29 06 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Dopo 7 anni di collaborazione con lo storico giornale comunista, Travaglio lascia l’Unità per andare a far parte della redazione del nuovo quotidiano di area giustizialista, girotondina e dipietrina “Il Fatto” con direttore Padellaro….

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI

Annunci




Incredibile gaffe di Travaglio, ora si mette pure a scambiare le persone

23 01 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Ieri sera Travaglio si è presentato per l’ennesima volta con il suo quadernino di quelli che lui chiama “fatti”.
Ma il nostro secondino ne ha fatta una grossa, un’incredibile gaffe da giornalista di quart’ordine.
Ecco quanto successo

Clamorosa gaffe televisiva di Marco Travaglio, che ieri sera ad Annozero ha confuso nomi, fatti e persone. Il suo show di apertura era centrato sulle recenti inchieste giudiziarie napoletane in tema di corruzione. Si era preparato bene in apparenza, evitando di sfiorare situazioni nelle quali potesse essere tirato in ballo, in un modo o nell’altro, Antonio Di Pietro (presente in studio) e suo figlio Cristiano.

La toppa è arrivata quando ha parlato di Alfredo Vito, descritto come personaggio chiave nella spartizione della ricca torta degli appalti pubblici. Il politico napoletano è stato condannato in via definitiva a 2 anni (pena patteggiata) con restituzione di 5 miliardi di lire ascrivibili ad episodi di corruzione. È stato deputato fino al 28 aprile 2008, eletto per Forza Italia nella circoscrizione Campania 2.

E qui viene il bello: il documentatissimo (dicono) Travaglio sfodera il suo terribile sorriso ironico e la sua migliore faccia da furbetto, continua a consultare il suo brogliaccio e di Alfredo Vito dice: “ha restituito 5 miliardi di lire di tangenti,  ha promesso e giurato che lasciava la politica per sempre ed infatti oggi è deputato del Popolo della Libertà“.

Incredibile magra! L’unico Vito attualmente deputato, per di più per il PdL, è Elio Vito, ministro per i rapporti con il Parlamento. Non è dato sapere se l’onorevole impropriamente tirato in ballo reagirà, il fatto che qui descrivo per il momento è citato solo da questo blogiornale. Staremo a vedere se ci saranno reazioni.

In studio il pubblico ride candidamente alla “battuta” di Travaglio, in fondo la sua mission attuale è quella di divertire, mica quella di informare.

Nel dibattito successivo interviene il sottosegretario Alfredo Mantovano (PdL) chiedendo una rettifica a MT e spiegando come stanno in realtà le cose. Aggiunge anche che Alfredo Vito non poteva essere deputato per il PdL, semplicemente perché quando siedeva in parlamento il Popolo delle Libertà non esisteva ancora.

Il candido Travaglio non fa una piega, abbozza il solito sorriso ed invece di rettificare o ammettere l’errore afferma di averlo descritto come “un parlamentare del centro destra”, e dove sta la differenza? Sembrava un bambino preso mentre ruba la marmellata, ha negato spudoratamente nonostante l’evidenza. In diretta Rai in prima serata, che figura di… (completate voi a piacere).

Anche altri blog han fatto notare il tragicomico errore dello scriba condannato

Non l’ho visto, ma in due mi hanno detto che Marco Travaglio ha fatto la sua predica contro il parlamentare del Pdl Alfredo Vito (2 anni col patteggiamento per 22 episodi di corruzione), salvo poi scoprire a fine predica – e solo grazie all’intervento di un sottosegretario – che il parlamentare del Pdl, e ministro, si chiama Elio e che Alfredo Vito non è deputato. La risposta di Travaglio pare sia stata “il concetto è lo stesso”.

Insomma il solito metodo Travaglio, questa volta condito da incredibili errori di persona, qualunquismo e pressapochismo. Sempre meno giornalista, sempre più comico.

Vota quest’articolo su OK Notizie, su Fai Informazione e su Wikio





Sanzionati Santoro e Fazio per le offese a Napolitano, Veronesi e Schifani

22 01 2009

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

I faziosissimi Santoro e Fazio sono stati (e non è la prima volta) multati dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni…..

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA QUI





Il Caso Porfidia (IDV) indagato per camorra fa il giro della rete

28 12 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

L’eco del caso di Americo Porfidia, deputato dell’IDV, incomincia a essere segnalato ovunque. Ieri Il Fazioso Liberale ha denunciato, prendendo spunto da alcune righe di 2 quotidiani, l’incredibile notizia di un presunto mafioso nel partito che professa un’onestà totale…..

PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO CLICCA QUI





Lo scriba Travaglio non sbaglia mai

6 11 2008

IL FAZIOSO LIBERALE SI TRASFERISCE

IL NUOVO INDIRIZZO DEL SITO E’ http://www.ilfazioso.com

Il secondino fa il saputello, ironizzando sulle previsioni altrui (e ovviamente tacendo sui pronostici dei sinistri in passato su kerry o più recentemente in merito alle elezioni politiche italiane).

Ma il buon rocca gli fa fare la figura dello scriba senza cervello.

I travagliati attendono in trepidazione una replica del loro condannato preferito. Non possono accettare che per l’ennesima volta il loro eroe della manette abbia scritto cretinate.





Il PD è più avanti dei suoi elettori?

14 05 2008

In questi giorni pare sempre più evidente la voglia di dialogo di entrambe le coalizioni. Berlusconi è stato chiarissimo nei suoi discorsi alle camere e incredibilmente (se rapportato al clima degli ultimi 15 anni) sono partiti applausi dia banchi dell’opposizione. Inoltre l’atteggiamento del pd sembra veramente conciliante, non da inciucio ma sicuramente non da muro contro muro.Lo dimostrano dichiarazioni, prese di posizione (vedi caso Travaglio) e un certo atteggiamento non di chiusura. Insomma certa parte d’antiberlusconismo e opposizione a tutto quello che fa Berlusconi sembrano essere andati (per ora) in soffitta. Però su internet, sui giornali, nelle lettere ai quotidiani sempre più spesso vengono fuori gridi di dolore da parte di elettori del pd che non sopportano ipotesi di dialogo, di riforme condivise. Sempre più elettori sembrano volersi spostare verso il dipietrismo e il travaglismo.

Non è che forse il Pd è molto più avanti dei suoi elettori? Non è che il riformismo non sia il vero collante degli elettori del pd stesso ma piuttosto il vecchio e ritrito antiberlusconismo? Francamente un pd moderno, libero dagli schemi dell’attacco a tutti i costi non ci dispiace ma ci preoccupa un certo spirito dei suoi elettori che rifiuta qualsiasi intento di discussione tra le parti. La logica del nemico non andrà mai in pensione?